Questo sito contribuisce all'audience di

Nuoto - Universiadi, sfuma il sogno medaglia di Giacomo Carini. Chiude sesto la finale dei 200 farfalla

Risultato comunque positivo resta però un po’ di amarezza per una medaglia sfumata che era sicuramente alla portata di Carini

Si è chiusa con un buon sesto posto finale l’avventura sportiva di Giacomo Carini alle Universiadi di Napoli. Il nuotatore piacentino, tesserato per la Vittorino da Feltre e per il Gruppo nuoto Fiamme Gialle, nell’atto conclusivo dei 200 farfalla andato in scena oggi nel tardo pomeriggio, non è infatti riuscito ad avvicinare i rivali che hanno gareggiato per la zona medaglia, facendo segnare, sulla linea del traguardo, un ritardo di due secondi e otto centesimi dall’oro e di un secondo e mezzo dal bronzo.
Carini si era qualificato alla finale dei 200 farfalla ieri dopo aver brillantemente superato le batterie eliminatorie (1’58”,48) e dopo aver agevolmente nuotato le semifinali con un crono di 1’57”,56. Carini si è presentato ai blocchi di partenza della finale con il quinto miglior tempo, appena dietro ai giapponesi Terada (1’57”,47) e Horomura (1’57”,08), al russo Kudashev (1’57”,01) e al polacco Poprawa (1’56”,72) e davanti all’australiano Gough (1’57”,69), al tedesco Minuth (1’57”,94) e al russo Kudriashov (1’58”,14).
In finale, però, l’atleta piacentino non è riuscito a nuotare ai suoi livelli ottimali, in una gara in cui avrebbe sicuramente potuto puntare al podio visto anche il suo record personale - fatto segnare nel 2017 - di 1,55”, 40, che alle Universiadi di Napoli gli avrebbe addirittura garantito la medaglia d’oro.
Carini ha chiuso con un buon sesto posto finale in 1’57”,71, tempo superiore di quindici centesimi di secondo rispetto a quello fatto segnare ieri nelle semifinali; segno che, alla terza gara consecutiva nello spazio di sole 24 ore, il nuotatore piacentino ha probabilmente accusato un po’ di stanchezza fisica.
La medaglia d’oro è stata vinta dal russo Kudashev che ha chiuso con l’ottimo tempo di 1’55”,63 (comunque superiore rispetto al personale di Carini); la medaglia d’argento è andata al collo del giapponese Horomura, secondo con un crono di 1’55”,94 mentre l’altro giapponese Terada ha conquistato il bronzo finendo in 1’55”,99 ad appena cinque centesimi di secondo dal connazionale. Quarto posto finale per il polacco Poprawa (1’56”,16), quinto per il russo Kudriashov che ha chiuso in 1’57”,55, appena quindici centesimi di secondo in meno di Carini che si è lasciato alle spalle il tedesco Minuth (1’58”,46) e l’australiano Gough, che ha fermato il cronometro su 1’58”,56.
Il sesto posto finale in una competizione internazionale ed importante come le Universiadi va sicuramente valutato molto positivamente; resta però un po’ di amarezza per una medaglia sfumata che era sicuramente alla portata di Carini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fano-Piacenza 2-4: i biancorossi ritrovano il successo in trasferta

  • Rocambolesco pari tra Mantova e Fiorenzuola, il big match termina 3-3

  • Piacenza - Marco Scianò: «Ricompattiamo l'ambiente, solo così si possono ottenere dei risultati»

  • Il Caorso: «Ricevuto insulti razzisti». Il Villanova: «Ricostruzione falsa» e si va per vie legali. FOTO

  • LIVE Gas Sales-Monza 3-2. Fei supera Zlatanov, è il bomber più prolifico di sempre

  • Il Pro Villanova: «Nessuna offesa razzista, a Caorso non è la prima volta che succede un fatto del genere»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento