rotate-mobile
Motonautica

Motonautica - Mondiale F1: Carella a caccia di punti

Tuoni, fulmini. E acqua a catinelle che Allah la manda. Anche se gli esperti del meteo dicono che, nel fine settimana, come già sta avvenendo, la situazione migliorerà, non è il solito clima trovato negli anni passati quello che sta ospitando la...

Tuoni, fulmini. E acqua a catinelle che Allah la manda. Anche se gli esperti del meteo dicono che, nel fine settimana, come già sta avvenendo, la situazione migliorerà, non è il solito clima trovato negli anni passati quello che sta ospitando la quarta tappa stagionale del Mondiale della F1 motonautica. Un appuntamento che, per il piacentino Alex Carella, bicampione iridato in carica, significa di fatto giocare in casa, sotto gli occhi del sciur padron, come dice sorridendo qualcuno. Con le opportunità e i rischi (leggasi pressione di tutti addosso) del caso, quelli che allo statunitense Jay Price, precedente compagno di squadra di Alex nel Team Qatar, ora sostituito dal connazionale Shaun Torrente, non hanno impedito di vincere qui nel 2010 e di bissare nel 2011. Gloria (parziale) sempre mancata proprio a Carella che, sul campo di regata che penetra nelle acque sempre agitate del Golfo Persico, ha portato in bacheca «solo» un secondo e un terzo posto. Curioso anche il fatto, comunque, che nessuno dei quattro ancora in corsa per il titolo 2013, comprendendo nel poker Carella, Selio, Chiappe e (anche) Torrente, a Doha, sia mai riuscito a salire sul gradino più alto del podio.

ALEX CONTROCORRENTE - «Vado controcorrente - spiega il piacentino Alex Carella - e dico che, se questo Mondiale sta (forse) per cominciare solo adesso, di sicuro resterà vivo sino all’ultima gara, sino all’ultimo giro di Sharjah. E’ una stagione delicata e, soprattutto, molto, ma molto equilibrata. Qui, secondo me, non si decide ancora il Mondiale, ma sarà soprattutto importante non perdere di vista i rivali più accreditati, non lasciar loro un solo attimo di respiro, poi si vedrà quello che succede. Sotto l’ultima bandiera a scacchi, e solo allora, si faranno i conti. I miei obiettivi? I soliti, nell’ottica di quello che ho appena detto: tenterò di vincere, ma per noi del quartetto di testa sarà forse più importante non… perdere, se è capire quello che voglio dire, non solo un gioco di parole. Chi vince la gara non ha ancora vinto il Mondiale, ma chi dovesse… scivolare sul bagnato, anche solo come è avvenuto a Shaun Torrente in Cina, di sicuro farà poi fatica a rientrare nel gruppetto di testa. Un paragone facile facile? Doha è come la tappa dello Stelvio al Giro d’Italia ciclistico: la puoi vincere, ma la maglia rosa non è ancora definitivamente tua; se però arranchi sui tornanti prima di affrontare le ultime tappe, addio sogni di gloria. La nuova Dac? Non c’è. Niente da fare. Avremmo dovuto forzare i tempi, per cui hanno (abbiamo) preferito rinviare alla prossima stagione che, per altro, ripartirà proprio da Doha. Nel frattempo, nei giorni scorsi, a pochi chilometri da qui, scortati dalla Guardia Costiera (i vantaggi del giocare in casa, come dite voi), nelle acque del Golfo Persico, abbiamo testato un po’ di eliche, eliminando quei difettuccio che qualche problemino mi avevano provocato in Brasile. Tutto risolto? Ve lo dico… tra meno di ventiquattro ore».

Il programma di Doha (ora locale, due ore in più rispetto all’Italia) - Venerdì 22 novembre, ore 8: briefing piloti (F1 e NC); ore 8.45: prove libere NC; ore 10: prove libere F1; ore 13: parata NC; ore 13.10: Nations Cup Sprint Race; ore 14: qualifiche F1. Sabato 23 novembre, ore 8.30: briefing piloti (F1 e F4-S); ore 9.15: prove libere F1; ore 10.30: prove libere F4-S; ore 11: cronometrate F4-S; ore 13.30: Gara-2 della F4-S; ore 15.30 parata; ore 15.45: GP del Qatar di F1.

Mondiale (dopo tre gare): 1. Carella (Ita, Team Qatar) e Selio (Fin, Mad Croc BaBa) punti 44; 3. Chiappe (Fra, Ctic China) 39; 4. Torrente (Usa, Qatar) 35; 5. Al Qamzi (Eau, Abu Dhabi) 22; 6. Cantando (Ita, Singha) e Andersson (Sve, Azerbaijan) 12; 8. Al Rubayan (Kuw, Atlantic) 9; 9. Al Hameli (Eau, Abu Dhabi) 7; 10. Marszalek (Pol, Singha) e Lagiannella (Ita, Singha) 3; 12. Roms (Fin, Mad Croc-Baba) e Stromoy (Nor, Atlantic) 2.

Le gare già disputate - Brasile (Brasilia): 1. Selio (Fin, Mad Croc BaBa); 2. Torrente (Usa, Qatar); 3. Carella (Ita, Qatar). Ucraina (Kiev): 1. Chiappe (Fra, Ctic China); 2. Torrente Usa, Qatar); 3. Carella (Ita, Qatar). Cina (Liuzhou): 1. Carella (Ita, Qatar); 2. Selio (Fin, Mad Croc-Baba); 3. Chiappe (Fra, Ctic China):
Le prossime gare - 22-23 novembre: GP Doha (Qatar); 28-29 novembre: GP Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti); 12-13 dicembre: GP Sharjah (Emirati Arabi Uniti).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Motonautica - Mondiale F1: Carella a caccia di punti

SportPiacenza è in caricamento