rotate-mobile
Kick Boxing

Kickboxing, sedici medaglie per la Yama Arashi a Jesolo

Il team piacentino ha brillato nella WAKO World Cup e nell'Italian Open

Sette ori, altrettanti argenti e due bronzi. E' di sedici medaglie il cospicuo bottino conquistato dalla Yama Arashi nella trasferta di Jesolo, sede della WAKO World Cup di kickboxing a cui è stato abbinato anche il torneo internazionale Italian Open riservato ad atleti fino alle cinture verdi.
Sul primo versante, sugli scudi Layla El Hayek, grande protagonista nei Cadetti al limite dei 55 chilogrammi, vincendo il torneo di Light contact e conquistando l'argento nel Point Fighting. Secondo posto anche per Dennis Floridia negli Juniores al limite dei 69 chilogrammi nel Light Contact, specialità dove Nicolas Varani è arrivato secondo nei Master al limite dei 63 chilogrammi, oltre a conquistare l'analogo risultato (stessa categoria e stesso limite) nel Kick Light. A completare il quadro-medaglie nella World Cup, il bronzo nella gara a squadre Cadetti con la firma di Matilde Cutaia, Gaia Pappaterra e della stessa Layla El Hayek).
Nell'Italian Open, invece, ben sei sono i successi della Yama Arashi nelle cinture gialle-arancioni-verdi: bis per Alessia Erangoli (-55 chilogrammi Junior Light Contact e Kick Light) e acuti per Alex Favaretto (-42 chilogrammi Cadetti Point Fighting), Sofia Rossi (+45 chilogrammi Cadetti Point Fighting), Carlo Taglia (-63 chilogrammi Cadetti Point Fighting) e Susanna Sverzellati, oro sopra i 65 chilogrammi nei Cadetti di Point Fighting. Tris di argenti per Riccardo Bramieri (-63 chilogrammi Cadetti Light Contact), Ronny Vargas (Junior Kick Light al limite dei 57 chilogrammi) e Matilde Gallo (-65 chilogrammi Senior Kick Light); infine, medaglia di bronzo per lo stesso Vargas nel Light Contact.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Kickboxing, sedici medaglie per la Yama Arashi a Jesolo

SportPiacenza è in caricamento