Giovedì, 5 Agosto 2021

Verso le Olimpiadi - Dallavalle: «Emozione unica andare a Tokyo». Carini: «Venderemo cara la pelle». VIDEO

I due portacolori piacentini ricevuti dal Coni provinciali, con loro anche Farias e Scotti

La terza misura al mondo staccata nel 2021, la vittoria ai campionati europei di Tallinn con il 17,05 firmato non più lontano di domenica scorsa. Il triplista Andrea Dallavalle, portacolori delle Fiamme Gialle e dell’Atletica Piacenza, non nasconde l’emozione davanti alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo sebbene non abbia ancora forse realizzato la portata del suo prossimo impegno. «Me ne renderò conto quando partirò», spiega sorridendo il saltatore piacentino allenato dal tecnico Ennio Buttò.
«Mi aspetto un clima incredibile: è l’evento sportivo più importante in assoluto dove si affrontano tutti gli avversari di ogni età e di tutto il mondo. Il mio obiettivo principale è fare il mio meglio e centrare la finale che sarebbe un obiettivo incredibile da raggiungere. 
Mi preoccupa vivere la pedana in uno stadio così importante, la preparazione è stata interrotta da alcune gare: negli ultimi due mesi abbiamo fatto due gare molto molto buone che mi hanno permesso di ottenere il pass olimpico e dove sono andato molto bene quindi spero di potermi ripetere anche a Tokyo». 
A Tokyo, a causa del riacutizzarsi della pandemia in Giappone, non potrà essere presente il pubblico sugli spalti, elemento sempre presente nelle specialità del salto. «Di solito si richiama sempre l’attenzione del pubblico in queste gare, vedere che di gente ce ne sarà poca sarà un po’ una mancanza abbastanza grave ma sono pur sempre Olimpiadi e confido che tra tecnici e il poco pubblico presente si potrà ravvivare un po’ la situazione».

Anche il nuotatore Giacomo Carini, tesserato per Vittorino da Feltre e Fiamme Gialle preparato dal tecnico Gianni Ponzanibbio, è prontissimo ad inseguire il sogno olimpico nella sua specialità dei 200 farfalla con la convocazione che è arrivata dalla Federnuoto ad inizio luglio.
«La parola che sarà mia amica durante questo viaggio sarà “divertimento”. La reputo un’esperienza personale e voglio godermela al massimo con lo spirito giusto e grazie a questo spirito riuscirò a fare bene anche per il resto. Sono stati anni un po’ difficili ma sono contento di aver cambiato alcune cose nella mia preparazione e di raggiungere l’obiettivo finale. Anche la partecipazione e la finale all’Europeo di quest’anno sono state grandi esperienze che erano anni che non ripetevo. Dopo la mancata qualificazione a Rio avevamo stilato delle gare di passaggio e come gestirle: l’obiettivo finale era questo e sono super contento di averlo raggiunto».
 

Si parla di

Video popolari

Verso le Olimpiadi - Dallavalle: «Emozione unica andare a Tokyo». Carini: «Venderemo cara la pelle». VIDEO

SportPiacenza è in caricamento