menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Tiziano Barboni, Robert Gionelli e Ada Guastoni

Da sinistra: Tiziano Barboni, Robert Gionelli e Ada Guastoni

Giocosport, oltre 500 studenti venerdì al Daturi

Cambia la location, ci si trasferisce dal Beltrametti al Daturi con un ritorno al passato, restano immutati gli obiettivi. Giocosport torna protagonista venerdì 6 maggio: un’intera mattinata dedicata a 15 discipline sportive (divise in 23...

Cambia la location, ci si trasferisce dal Beltrametti al Daturi con un ritorno al passato, restano immutati gli obiettivi. Giocosport torna protagonista venerdì 6 maggio: un’intera mattinata dedicata a 15 discipline sportive (divise in 23 postazioni) che coinvolgeranno oltre 500 studenti della scuola elementare. «Puntiamo a sviluppare la promozione sportiva - spiega Robert Gionelli, Delegato provinciale del Coni, ente ideatore dell’evento - entrando direttamente in contatto con tanti bambini. La novità di quest’anno è il nostro legame con la Placentia Half Marathon, di cui diventiamo uno degli eventi collaterali. Dopo tanto tempo torniamo al Daturi, dove la manifestazione è nata, con un solo scopo: avvicinare i bambini allo sport attraverso il gioco».

Complessivamente saranno 23 le classi coinvolte, appartenenti a 8 scuole: Mazzini, Caduti sul lavoro, Carella, Alberoni, Casa del Fanciullo, Sant’Eufemia, Giordani e Vittorino da Feltre. Con il coordinamento dello staff tecnico del Coni, gestito da Tiziano Barboni, e grazie alla collaborazione di tecnici ed esperti delle federazioni, gli studenti potranno provare judo, tiro a segno, tennis, pallavolo, calcio, basket, scherma, bocce, rugby, baseball, lancio del vortex, corsa veloce, percorso a ostacoli, ciclismo e salto in lungo.
«Mi piace - sono le parole di Ada Guastoni dell’Ufficio scolastico provinciale - che una manifestazione agonistica come la Placentia Half Marathon abbracci idealmente e anche concretamente Giocosport, iniziativa dedicata ai più giovani. Fra le cose più belle che esistono a Piacenza ci sono le collaborazioni, abbiamo raggiunto un sistema virtuoso di contatti che portano a queste attività un valore differente».


E’ toccato poi a Barboni illustrare nei dettagli numeri e novità dell’edizione 2016: «Con il trasferimento al Daturi abbiamo coinvolto nuovi istituti, come Mazzini, Sant’Eufemia e Giordani, che non avevano mai partecipato a Giocosport. E altre realtà, come Vittorino, Caduti sul lavoro e Carella, hanno fatto uno sforzo particolare noleggiando pullman o arrivando a piedi da non molto vicino perché hanno capito l’importanza della manifestazione. Per questo dobbiamo ringraziare le federazioni sportive, le società, i responsabili della Maratona e tutti i dirigenti scolastici».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento