Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cavalli: «Il Giro d'Italia conferma la voglia che ha Piacenza di ripartire». VIDEO

Domenica scorsa la Placentia Half Marathon, martedì la corsa rosa. La città fa un passo deciso verso la normalità anche grazie allo sport

 

Due giorni di sport ad alto livello per Piacenza, che vanno oltre l’aspetto agonistico. Dopo la Placentia Half Marathon di domenica, corsa in modo virtuale per le strade di tutto il Paese, adesso arriva il Giro d’Italia. Si va oltre l’agonismo, perché sono manifestazioni che rappresentano la voglia di ripartire di una città come Piacenza che è stata colpita duramente dall’emergenza Covid. Lo conferma anche Stefano Cavalli, assessore allo sport del Comune di Piacenza.

Iniziamo dalla Placentia Marathon, un’edizione virtuale con risultati più che positivi e soprattutto uno spirito inalterato con il ricavato destinato in beneficenza.

«Uno spirito splendido, ringraziamo gli organizzatori per aver voluto proseguire l’avventura e ci auguriamo che il prossimo anno si torni all’edizione classica in presenza. Ma questo è un modo per ripartire, c’è voglia di vivere e di tornare in mezzo alla gente. Quest è stata un'edizione con una formula innovativa che si è rivelata vincente».

Poi c’è l’obiettivo benefico che resta principale.

«Tutte le iniziative sono sempre state ben accolte e sposate con entusiasmo dai partecipanti».

Piacenza capitale sportiva, dopo la Placentia Half Marathon arriva il Giro d’Italia.

«Siamo stati i primi nella pandemia, vogliamo essere i primi a ripartire mettendoci alle spalle un brutto periodo. Lo sport ha bisogno del pubblico e della partecipazione dei tifosi; queste due manifestazioni possono essere molto importanti, così come la voglia di fare sport e di partecipare».

Il Giro d’Italia rappresenta anche una grande vetrina per la nostra città.

«Lo dicono i numeri, è primo come numero di spettatori, ha 180 nazioni collegate, milioni di spettatori vedranno la corsa rosa e la bellezza di Piacenza».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento