rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Ciclismo

Mountain bike - Hard Rock, stagione da incorniciare

La stagione agonistica della mountain si è da poco conclusa e per i ragazzi del team Merida – Hard Rock è arrivato il momento di bilanci. Grazie alla serietà dei propri sponsor, alla voglia di fare di tutti i componenti dello staff e soprattutto...

La stagione agonistica della mountain si è da poco conclusa e per i ragazzi del team Merida – Hard Rock è arrivato il momento di bilanci. Grazie alla serietà dei propri sponsor, alla voglia di fare di tutti i componenti dello staff e soprattutto grazie alla determinazione dei propri giovani atleti, i risultati ottenuti durante nel 2014 sono stati eccellenti.
La vittoria del Campionato Italiano Juniorios di Alessandro Naspi è certamente il fiore all’occhiello. La stagione del giovane marchigiano, infatti, è stata una cavalcata trionfale iniziata con la vittoria schiacciante tra gli Junior a Maser (in occasione della prima prova degli Internazionali d’Italia) e si è conclusa con una prestazione superlativa ai Campionati del Mondo in Norvegia, rovinata solo da una foratura che lo ha penalizzato mentre si trovava a metà gara in settima posizione. Per lui è facile prevedere che il prossimo anno passare tra gli Under 23 non sarà un problema.
Ma sono molte le fotografie che sono state raccolte nell'album dei ricordi di questa stagione. Si pensi che al termine degli Internazionali d’Italia i ragazzi dello storico team piacentino hanno raccolto tre vittorie: miglior team, miglior junior (sempre Alessandro Naspi, che ha vinto tre prove su sei) e primi tre posti nella categoria Under 23 (Gioele Bertolini primo, Stefano Valdrighi secondo e Lorenzo Samparisi terzo, anche in questo caso con tre successi su sei prove).
Non da meno la performance degli Under 23 in occasione del Campionato Italiano, in lotta fino all’ultimo metro per la vittoria e poi capaci di aggiudicarsi il secondo, il terzo, il quarto e il quinto posto, con Stefano Valdrighi, Gioele Bertolini, Lorenzo Samparisi e Mattia Setti: per tutti loro il prossimo anno rappresenterà un'altra occasione per conquistare l’ambita maglia tricolore.
In Estonia, Martin Loo si è riconfermato ancora campione nazionale. Il ventiseienne di Tallin ha cominciato ottimamente l’annata chiudendo in volata al secondo posto tra gli Elite la prima prova degli Internazionali d'Italia, ma subito dopo, durante la gara successiva, è stato vittima di una brutta caduta che gli è costata la rottura della clavicola sinistra, costringendolo a un’inattività di alcuni mesi che ha pregiudicato tutta la stagione.
In conclusione, un cenno al vivaio, che nel 2014 era composto da soli due Allievi: Vanni Frassoni e Filippo Chiodi, che hanno portato avanti un attività di livello regionale completata da qualche esperienza di livello nazionale, con risultati soddisfacenti; in particolare Frassoni si è rivelato il miglior Allievo in Emilia Romagna e per lui è previsto l’inserimento nel team 2015 come Junior.
Una stagione da incorniciare dunque, con 20 primi posti, 10 secondi e 6 terzi. Ma una stagione anche molto impegnativa, con la partecipazione a circa 40 gare e trasferte in Svizzera, Francia, Germania, Repubblica Ceca, Norvegia, Estonia, Canada e Stati Uniti.  giungendo, nelle rispettive categorie.
Già da qualche settimana Gioele Bertolini e Lorenzo Samparisi sono stati prestati rispettivamente al team Guerciotti e al team CX Smp, per praticare ad alto livello l'attività ciclocross. Il resto degli atleti vivrà la stagione invernale meno intensamente, ma potrà capitare di vederli cimentati anch'essi nel ciclocross a livello nazionale, mentre i dirigenti sono al lavoro per allestire l’organico del 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mountain bike - Hard Rock, stagione da incorniciare

SportPiacenza è in caricamento