Questo sito contribuisce all'audience di

La Gasparrini è regina d'Europa fra le Juniores

In Francia la portacolori del VO2 Team Pink domina la volata e conquista il titolo continentale. «Fatico a capire cosa ho fatto. La dedica? Alle mie compagne e alla famiglia»

Nella foto (Bart Hazen Sportfoto.nl) la gioia della Gasparrini

Una volata magistrale, capitalizzando il grande lavoro di squadra azzurro per arrivare a vincere in modo netto e coronare un altro sogno in campo internazionale. Agli Europei su strada di Plouay (Francia) brilla la stella di Eleonora Camilla Gasparrini, portacolori del VO2 Team Pink che stamattina in maglia azzurra ha vinto il titolo continentale nella prova in linea per Donne Juniores. Nulla da fare per la coppia belga formata da Marith Vanhove e Katrijn De Clerq, che si sono dovute accontentare rispettivamente dell’argento e del bronzo. Nell’ottimo lavoro dell’Italia spicca anche quello di un’altra “panterina”, l’ossolana Francesca Barale, limitata da una caduta nel finale e arrivata 28esima.

IL PROFILO - Per la Gasparrini, diciottenne torinese di None e al suo secondo anno in categoria e nel sodalizio piacentino, si tratta del primo titolo internazionale su strada, complice la sfortuna che l’aveva colpita lo scorso anno in questo settore: una caduta le aveva infatti compromesso i suoi primi Europei, quelli del 2019 ad Alkmaar (Olanda). La scorsa stagione l’aveva vista trionfare in patria centrando il tricolore Donne Juniores su strada e a cronometro, oltre all’argento tricolore nella cronosquadre e a quattro vittorie durante la stagione (3 su strada e 1 a cronometro). Su pista, con i colori dell'Italia prima si era laureata campionessa europea di categoria nell'Inseguimento a squadre e nell'Omnium (oltre al bronzo nell'Americana), poi ha vinto il titolo mondiale sempre nel quartetto, abbinandolo all'argento iridato nell'Omnium.  In precedenza, titolo italiano su strada nel 2016 (Donne Esordienti secondo anno) e nel 2018 (Allieve) a Comano Terme prima dell'oro tricolore nella cronosquadre. Su pista, poker di tricolori: nel 2017 e nel 2018 medaglie d'oro nel Keirin e nella Velocità Allieve.  In questo scorcio di stagione in un calendario limitato dal Coronavirus, la Gasparrini ha sfrecciato all’autodromo di Imola vincendo la prima corsa su strada di categoria della ripartenza.

volatagasparriniplouay-3

LE PAROLE DELLA NEOCAMPIONESSA EUROPEA – Eleonora Camilla Gasparrini ripercorre così il suo successo con la maglia azzurra a Plouay. “E’ stata una corsa movimentata – spiega – anche se non eccessivamente. Come Italia abbiamo corso molto unite, sempre attente a controllare la situazione, chiudendo quando serviva e provando anche a far selezione, come accaduto per esempio in due occasioni con gli allunghi di Francesca (Barale). Ci abbiamo riprovato quando mancavano ai due chilometri ma ci hanno chiuso, così abbiamo impostato la volata seguendo alla lettera le indicazioni dei tecnici: l’abbiamo realizzata da sinistra verso destra, poi io sono partita quando mancavano circa 200 metri. Ho potuto vincere solamente grazie all’unità e al lavoro della squadra azzurra. Per questo ringrazio Francesca Barale (VO2 Team Pink), Alessia Patuelli (Breganze Millenium), Carlotta Cipressi (Awc Re Artù General System), Greta Tebaldi (Eurotarget Bianchi Vittoria) e Noemi Lucrezia Eremita (Ciclismo Insieme), oltre al ct Dino Salvoldi e al tecnico azzurro Paolo Sangalli”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Capitolo-emozioni. “Ancora dopo la corsa fatico a realizzare l’impresa, che compensa un po’ la sfortuna della scorsa stagione. La dedica va alle mie compagne di nazionale, oltre che alla mia famiglia che mi segue sempre e a tutto il VO2 Team Pink, che mi ha permesso di prepararmi al meglio per questo appuntamento. Vincere un Europeo su strada ha un sapore diverso rispetto ai successi su pista, seppur bellissimi. Inoltre, quest’anno è ancora più particolare, perché a causa del lockdown c’erano tante incognite, legate anche alle pochissime gare disputate e quindi a poco ritmo gara”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Il Piacenza chiude il precampionato con un pareggio contro la Virtus Verona. Cosa va e cosa non va

  • Piacenza-Virtus Verona: 1-1, a Siani risponde Bridi

  • La Gas Sales Bluenergy va a singhiozzo, Padova vince 3-1. Biancorossi fuori dalla Coppa Italia

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento