menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L’ex professionista Giancarlo Perini e il presidente provinciale dell’Endas, Giovanni Rossi, premiano Marco Tedeschi

L’ex professionista Giancarlo Perini e il presidente provinciale dell’Endas, Giovanni Rossi, premiano Marco Tedeschi

Ciclismo - L'Endas premia Marco Tedeschi

Anche quest’anno l’Endas piacentina ha festeggiato la chiusura della stagione ciclistica all’agriturismo “La Rondanina” di Alseno. Per il presidente provinciale Giovanni Rossi è stata l’occasione per ringraziare tutti gli sportivi e gli amici che...

Anche quest’anno l’Endas piacentina ha festeggiato la chiusura della stagione ciclistica all’agriturismo “La Rondanina” di Alseno. Per il presidente provinciale Giovanni Rossi è stata l’occasione per ringraziare tutti gli sportivi e gli amici che con il loro aiuto hanno permesso di mettere in campo una sostanziosa attività organizzativa, incentrata su manifestazioni di qualità, come la undicesima Granfondo della Coppa Piacentina, il decimo Farini Tour e l’ottava cicloturistica d’epoca Epica - Memorial Maria Teresa Orsi. A questi eventi si sono poi aggiunti il Gran Premio Terra del Vino di Bacedasco Basso di mountain bike (inserito nel circuito “Francigena Cup”), il Gran Premio Endas di Celleri di Carpaneto su strada, i cicloraduni Memorial Vafrini- Cabrini e Cortemaggiore - Parco Provinciale e l’ormai tradizionale ciclopodistica di Lusurasco (una manifestazione unica a livello provinciale). Un impegno che non ha dimenticato la solidarietà: grazie alle società Team Perini Bike, Lusurasco e Cortemaggiore il ricavato delle iscrizioni alla gara di Celleri è stato devoluto interamente a favore dell’Associazione Volontari di Farini.

Il momento clou della serata è stata comunque l’assegnazione del tradizionale Premio Endas (un elegante bassorilievo creato dall’artista parmense Stefano Melegari), che quest’anno è andato al lodigiano Marco Tedeschi. Organizzatore con il suo gruppo Orio Bike della Francigena Cup, ha inserito tra le prove di questa importante challenge di mountain bike molte tappe piacentine, visti anche i rapporti di amicizia che lo legano a tanti ciclisti locali. Inoltre, il simpatico “Marcone” è da anni protagonista del Farini Tour, dove, a dispetto del fisico possente non proprio da grimpeur, siamo abituati a vederlo affrontare senza paura anche i dislivelli più aspri. Proprio il legame particolare con la Val Nure e i suoi abitanti lo ha spinto ad organizzare una manifestazione al fine di raccogliere fondi a favore delle popolazioni alluvionate. Non a caso il presidente Rossi ha accompagnato la consegna del riconoscimento con poche e sentite parole che hanno raccolto l’applauso convinto dei presenti: «Caro Marco, ora ho capito perché il buon Dio ha dato un fisico così possente: il tuo cuore è troppo grande per essere accolto da un fisico normale»
Non poteva infine mancare il commosso ricordo di due grandi amici dell’Endas recentemente scomparsi: Renato Gelmetti, pioniere del ciclismo amatoriale piacentino, e Mauro Segalini, il presidente del team Farini Bike perito in un tragico incidente stradale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento