Questo sito contribuisce all'audience di

Ciclismo - Franchi e Bronzini, c'è Piacenza al Giro Donne

Dalla debuttante alla veterana, dall’allieva alla maestra, al 26° Giro Rosa – il Giro d’Italia femminile che parte venerdì 3 luglio dalla Slovenia con un prologo serale di 2 km nel centro di Lubiana – saranno al via le uniche due esponenti del...

Giorgia Bronzini, due volte campionessa del mondo
Dalla debuttante alla veterana, dall’allieva alla maestra, al 26° Giro Rosa – il Giro d’Italia femminile che parte venerdì 3 luglio dalla Slovenia con un prologo serale di 2 km nel centro di Lubiana – saranno al via le uniche due esponenti del ciclismo piacentino: Elena Franchi, classe ’96 da Fiorenzuola in forza alla Servetto-Footon ed al primo anno tra le elite, e Giorgia Bronzini della Wiggle-Honda, 32 anni il prossimo 3 agosto, che sarà alla sua 12esima partecipazione al Giro Donne e per la quale non occorre srotolare il suo infinito palmares.
Se la Franchi, prodotto del Cadeo-Carpaneto prima e della Valcar poi, con la quale nel 2013 era riuscita anche a raggiungere la Nazionale Juniores ai Mondiali di Firenze, partirà per conoscere e magari oltrepassare i suoi limiti, la Bronzini cercherà le proprie affermazioni personali nelle prime frazioni (previste nove tappe oltre al cronoprologo iniziale per un totale di 891,5 km) prima di trasformarsi in regista in corsa per le proprie compagne quando il percorso si impennerà inesorabilmente a favore delle big che punteranno alla vittoria finale.

«Quest’anno – spiega Elena Franchi, che spesso si allena con i dilettanti della Viris Vigevano – ho fatto già tanta esperienza, dalle gare in Belgio e in Cina, in cui sono anche caduta riprendendomi quasi subito, al Campionato Italiano, che è stata anche l’ultima corsa disputata e nella quale mi sono difesa anche se è arrivata poi al traguardo la fuga iniziale. Il Giro sarà l’occasione per strappare ulteriori segreti e cura dei dettagli alle grandi campionesse, tra cui proprio la Bronzini. Parto con molta curiosità di vedere come mi comporterò giorno dopo giorno e, d’accordo con la mia ds Luisiana Pegoraro (ex prof anni ’90), vedremo il mio recupero e se andare avanti o meno».

Discorso agli antipodi invece per la Bronzini, che ormai viene più sentita sul suo certo ritiro nel 2016 dopo Olimpiadi e Mondiali che per la stretta attualità: «Manca ancora un anno e mezzo a quel giorno e pertanto voglio continuare a fare bene e vincere fino ad allora. Certo, il fatto che un giorno potrei restare nell’ambiente come tecnico (su questo argomento dovrà parlare con i vertici della Federciclismo nei prossimi mesi) mi fa vedere già adesso la corsa sotto un altro punto di vista, però non dite che sto diventando saggia per l’età. Solo che nella mia squadra ora abbiamo tante frecce nella faretra e spesso, se io mi accorgo che non posso garantire un certo tipo di risultato, è giusto che abbia il via libera una mia compagna più in forma. La stagione fin qui è stata davvero intensa, dall’Australia ai Mondiali su pista a febbraio, alla Cina e Stati Uniti ed infine Giro della Gran Bretagna e Campionato Italiano, per il quale muovo la critica di averci fatto fare un lunghissimo tratto in linea dove non abbiamo incontrato appassionati per la strada, che invece erano sulla salita finale per Superga e al traguardo. Sono certa che non sarà così al Giro, perché comunque la gara è sentita sia da noi atlete che dagli appassionati. Cercherò di sfruttare le prime quattro tappe per vincere, poi mi piacerebbe molto essere un punto d’appoggio importante nelle frazioni di salita, magari andando in fuga e poi aiutare le compagne che faranno classifica (su tutte Elisa Longo Borghini e Mara Abbott, che ha già vinto il Giro Donne nel 2010 e nel 2013). Non sono al massimo della forma, ma appena si abbasserà la bandierina a scacchi della prima tappa troverò tutte le forze e le motivazioni».
Avranno diversi obiettivi, ma Elena Franchi e Giorgia Bronzini sapranno tenere viva l’attenzione anche degli appassionati piacentini.
Simone Carpanini

TAPPE — Venerdì 3 luglio Prologo: Lubiana (Slo) 2,000 km
Sabato 4 luglio 1ª tappa: Kamnik (Slo) – Lubiana (Slo) 102,500 km
Domenica 5 luglio 2ª tappa: Gaiarine–San Fior 121,500 km
Lunedì 6 luglio 3ª tappa: Curtatone–Mantova 130,400 km
Martedì 7 luglio 4ª tappa: Pioltello–Pozzo d'Adda 98,000 km
Mercoledì 8 luglio 5ª tappa: Trezzo sull'Adda–Aprica 128,400 km
Giovedì 9 luglio 6ª tappa: Tresivio–Morbegno 102,500 km
Venerdì 10 luglio 7ª tappa: Arenzano–Loano 89,700 km
Sabato 11 luglio 8ª tappa: Pisano–Nebbiuno 21,700 km (Cronometro Individuale)
Domenica 12 luglio 9ª tappa: Verbania–San Domenico di Varzo 92,700 km
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento