Giovedì, 18 Luglio 2024
Ciclismo

Botta e risposta tra Perini e il Comune. «Ci sono rimasto male, nemmeno volevano parlarmi»

La rabbia dell’ex ciclista per la mancata pedalata di domenica 30: «Ho chiesto di discutere con il sindaco per trovare una soluzione, ma neanche vuole parlarne. Era tutto pronto, buttati via soldi e impegno. Dal Comune: «Evento troppo concomitante col Tour, abbiamo proposto altre soluzioni»

«Ci sono rimasto molto male, mi hanno chiamato per parlare nelle scuole, per partecipare alle iniziative del Tour. Ho sempre detto di sì, sottraendo tempo alla mia attività in negozio. E il sindaco in questi giorni non ha trovato il tempo per dialogare con me qualche minuto». La delusione di Giancarlo Perini traspare tutta da queste parole rilasciate in un’intervista al quotidiano Il Piacenza (leggi qui l’intervista completa), in cui il grande ex ciclista piacentino punta il dito contro l’Amministrazione Comunale colpevole, secondo lui, di aver annullato la pedalata ciclistica in un suo onore fissata domenica 30 giugno: la motivazione è l’eccessiva vicinanza dell’evento alla partenza del Tour de France lunedì, che bloccherà mezza città.
«La manifestazione - spiega sempre nell’intervista - era prevista domenica 23 ma è stata rinviata per il maltempo. Allora ho chiesto di rimandarla alla domenica successiva, il 30. Ho cercato in tutti i modi di parlarne con il sindaco Katia Tarasconi, ma lei non ha voluto discutere con me. Avevo chiesto di trovare una soluzione per organizzarla. Ero disponibile a coinvolgere il meno possibile la città, andando da tutt’altra parte. Partivamo alle 8.30 di domenica mattina, che problemi creavamo spostandoci per una pedalata fuori città»?

La risposta della sindaca Tarasconi arriva tramite una nota stampa ufficiale.

“Il Comune di Piacenza non ha annullato alcuna manifestazione ciclistica. "La pedalata con Perini" era programmata per domenica 23 giugno e non il 30 giugno, come scritto dai consiglieri Zandonella e Soresi in una nota stampa. Sono stati gli stessi organizzatori ad annullare la manifestazione il 23 a causa del maltempo. A partire da quel momento abbiamo iniziato a ragionare con gli organizzatori stessi su quando potesse essere riprogrammata la “pedalata” alla quale l’Amministrazione, e in particolare l’Assessorato allo Sport, teneva e tiene molto. Tant’è che, nonostante la concomitanza con le giornate clou della tappa piacentina del Tour de France prevista per lunedì 1° luglio, gli uffici comunali erano riusciti a proporre sabato 29 giugno come nuova data per la manifestazione ciclistica in questione garantendo la sicurezza lungo il percorso nel territorio comunale. Gli organizzatori hanno invece proposto domenica 30 giugno, ovvero 24 ore prima della partenza della tappa del Tour dalla nostra città nonché proprio il giorno previsto per l’arrivo a Piacenza, nel tardo pomeriggio, della “carovana” della Grande Boucle. Proposta non praticabile, dunque, per ovvi motivi legati alla gestione della tappa (il più importante evento sportivo mai organizzato a Piacenza) da parte di tutti gli organi del Comune, compresa la Polizia Locale impegnata in prima linea. Dopo aver proposto sabato 29 giugno dunque, senza tuttavia trovare l’ok degli organizzatori, e dopo aver illustrato le motivazioni che rendono impraticabile l’idea di gestire una manifestazione importante come “La pedalata con Perini” nella giornata immediatamente precedente al Tour de France a Piacenza, l’ente comunale è ora a disposizione per valutare altre date in accordo con gli organizzatori stessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botta e risposta tra Perini e il Comune. «Ci sono rimasto male, nemmeno volevano parlarmi»
SportPiacenza è in caricamento