Questo sito contribuisce all'audience di

Calcio - Simone Inzaghi da record: è nella storia della Lazio

In estate era destinato ad allenare la Salernitana: catapultato sulla panchina biancazzurra sta stupendo tutti a suon di vittorie. E' sua la migliore media punti della società del presidente Lotito

L'articolo della Gazzetta dello sport su Simone Inzaghi

Pensare che fino a pochi giorni dall’inizio del campionato Simone Inzaghi doveva essere il tecnico della Salernitana, società di proprietà di Claudio Lotito che attualmente naviga nelle zone medio-basse della classifica di Serie B. Poi, quando aveva le valigie pronte per il trasferimento, un improvviso passo indietro del candidato principale Marcelo Bielsa ha riportato a Roma il piacentino, catapultandolo sulla panchina della prima squadra della Lazio. I bene informati anticipavano che si sarebbe trattato di un incarico a tempo, invece al piacentino Simone Inzaghi sono bastate poche giornate per convincere tutti. Oggi la Gazzetta dello Sport gli dedica mezza pagina in un articolo a firma di Stefano Cieri sotto il titolo di “Tecnico rivelazione”. La sua Lazio, accreditata prima del via di una rosa da settimo-ottavo posto, si trova attualmente a un solo punto dalla zona Champions League e la società gli ha proposto il rinnovo del contratto, un biennale che dovrebbe essere sottoscritto nei prossimi giorni. Rinnovo che sarebbe automatico in caso di qualificazione europea, ma i vertici societari hanno voluto anticipare i tempi, perché visti i risultati ottenuti non è da escludere che il cellulare di Simone sta suonando parecchio e le tentazioni di altre squadre inizino a diventare concrete.

Non solo: Inzaghi sta già entrando nella storia biancazzurra perché è il tecnico con la migliore media punti complessiva, 1,925 nelle 27 partite disputate, 7 lo scorso anno e 20 nella stagione in corso. Così l’ex attaccante piacentino (in bacheca da giocatore ha uno scudetto, tre Coppe Italia, due Supercoppe italiana ed una europea) si conferma una volta di più bandiera biancazzurra. Alla Lazio da 18 anni, dopo aver appeso le scarpette al chiodo ha iniziato la carriera dal settore giovanile compiendo la trafila fino alla Primavera, con cui ha vinto due Coppe Italia e una Supercoppa italiana.

Adesso, dopo la parentesi dell’anno scorso, la nuova avventura alla guida della prima squadra, con risultati eccellenti e i complimenti dei suoi giocatori: «E’ un grande motivatore e prepara le partite nei minimi particolari» dicono di lui. Simone si gode il momento, mantenendo un basso profilo come è sua abitudine e continuando a lavorare. I risultati dicono che è la strada giusta da seguire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

  • Piacenza, così si fa davvero dura: altro pomeriggio bruttissimo. La Giana Erminio vince 2-0

Torna su
SportPiacenza è in caricamento