rotate-mobile
Serie D

Serie D - Focus avversari: Seregno e Inveruno

Inauguriamo oggi la nostra nuova rubrica "Focus avversari", con l'obiettivo, ogni giovedì, di capire e conoscere meglio le avversarie di Piacenza Calcio e Pro Piacenza, le due formazioni della città che parteciperanno al prossimo campionato di...

Inauguriamo oggi la nostra nuova rubrica "Focus avversari", con l'obiettivo, ogni giovedì, di capire e conoscere meglio le avversarie di Piacenza Calcio e Pro Piacenza, le due formazioni della città che parteciperanno al prossimo campionato di serie D 2013/2014. Le analisi delle squadre avversarie sono a cura del nostro giornalista Marcello Astorri

IL SEREGNO, AVVERSARIO DEL PIACENZA

Il primo passo in serie D del rinnovato Piacenza Calcio sarà a Seregno. I biancorossi sono reduci da una bella vittoria in Coppa Italia ai danni del Fidenza e sono vogliosi di replicare alla prima di campionato, forti peraltro dei recuperi di Volpe e Martinez, ritornati, pare, a buoni livelli dopo gli infortuni da loro patiti durante il precampionato. Attenzione al Seregno però, Il dodicesimo posto nella passata stagione non deve trarre in inganno, perché la rosa a disposizione del nuovo tecnico Umberto Cortelazzi è di tutto rispetto. Per la ricorrenza del centenario della società fondata nel 1913 infatti, sembra che il patron Eros Pugliani abbia innestato alcuni nomi eccellenti in rosa. E scorrendo la formazione scesa in campo domenica scorsa contro la quotata Olginatese in Coppa Italia (il Seregno è stato sconfitto ai rigori dopo che la partita si era conclusa sul risultato di 1-1), si notano molti giocatori di grande esperienza abbinati a giovani di talento. Uno di questi è Alessandro Comi, attaccante classe ’90 che, dopo le tredici reti messe a segno l’anno scorso con la maglia azzurra del Seregno, ha attirato su di sé, dicono le voci di mercato degli ultimi giorni, le attenzioni di due club di Lega Pro Seconda Divisione (Poggibonsi e Castiglione) e uno di Lega Pro Prima Divisione (Pro Patria). Non passa certo inosservato poi l’esperto fantasista Alessio Battaglino, neo acquisto prelevato dalla Pro Sesto insieme al difensore Alessandro Cortinovis, uno che in passato ha fatto il capitano in Lega Pro al Renate, confezionando assist e non disdegnando il gol (miglior score tra i pro: 32 presenze e 7 gol nel 2010/2011). Oltre ai già citati, tra i nuovi acquisti figurano anche il portiere Soriente, il terzino sinistro Angelotti, il centrale difensivo Di Maio e il giovane attaccante Maicol Edinson Cavalcante, reduce da un’esperienza nella Berretti del Monza. La società ha comunque dichiarato che i movimenti di mercato potrebbero non essere ancora finiti. Non sarà dunque una sfida comoda per i biancorossi quella che si terrà alla stadio Ferruccio.

LA SCHEDA - Nome: USD 1913 Seregno Allenatore: Umberto Cortellazzi Presidente: Eros Pugliani Stadio: Ferruccio (3700 posti a sedere) Ultimo Piazzamento: 12° in serie D giorne B Obiettivo dichiarato: Salvezza tranquilla. Stella della Squadra: Alessio Battaglino.

MODULO E FORMAZIONE - Il tecnico azzurro Cortelazzi pratica un calcio molto offensivo e dispone la sua squadra in campo con un 4-3-3. Almeno così è stato nelle precedenti due uscite di Coppa Italia con Palazzolo (vittoria 6-4 dopo calci di rigore) e Olginatese (sconfitta 5-3 sempre dopo calci di rigore). L’allenatore, dopo i due impegni ufficiali che hanno dato tutto sommato buone indicazioni, ha dichiarato in vista della partita di domenica con i biancorossi: «La squadra ha fatto buone cose, ma bisogna ancora migliorare, abbiamo iniziato più tardi degli altri e non possiamo pensare di essere già pronti per la partita con il Piacenza». Una preparazione iniziata in ritardo quella azzurra, a causa di alcune vicissitudini societarie che hanno fatto sì che l’iscrizione della centenaria società brianzola fosse a rischio fino all’ultimo. Ciò ha fatto si che campagna acquisti e pianificazione della stagione partissero in considerevole ritardo. Tornando a considerazioni meramente tattiche, è probabile che il Seregno decida comunque di non arroccarsi, cercando di non snaturare ciò che ha fin qui consentito di produrre comunque buone prestazioni.

L'INVERUNO, AVVERSARIO DEL PRO PIACENZA AL SIBONI

Il Pro riparte dal Siboni con la matricola Inveruno. I rossoneri recuperano tutti gli effettivi e devono rinunciare unicamente al difensore Colicchio (squalificato). La squadra di mister Franzini è chiamata a partire con il piede giusto in campionato contro un avversario sulla carta alla portata. Ma attenzione, la squadra allenata dal tecnico Gatti è stata la mina vagante della Coppa Italia avendo sbattuto fuori dalla competizione prima il Darfo Boario (1-2 esterno) e poi la Caronnese (5-3 ai calci di rigore). La neo promossa gialloblu, che ha mantenuto l’intelaiatura e il gruppo affiatato che ha vinto l’Eccellenza, sul mercato si è limitata a fare qualche ritocco sul comparto giovani e a innestare una punta di valore come Davide Mazzini (ex Pro Sesto). Al momento la società starebbe vagliando il mercato alla ricerca di un difensore che potrebbe arrivare prima della chiusura delle liste, ma senza fretta, poiché chi è sceso in campo finora ha dato buone garanzie. Il bomber e capitano dei milanesi è Broggini (già a segno quest’anno nella fortunata trasferta di Darfo) al fianco del quale si alterneranno, probabilmente, il prolifico attaccante Michel Marcelin Sarr o appunto l’ultimo arrivato Mazzini, a meno che, Gatti, non s’inventi un modo per farli coesistere. Intanto nel paese di Inveruno c’è molto entusiasmo intorno a una realtà piccola ma ambiziosa, capace di agganciare con merito la serie D, serie nella quale Broggini e soci non vogliono certo essere di passaggio. La società dal canto suo non fa grossi proclami e durante la presentazione, per voce del presidente onorario Simonini, traccia i programmi per la stagione: «Abbiamo un solo obiettivo: arrivare dodicesimi e salvarci». Il tecnico Gatti del resto sa come riuscirci e su cosa fare leva: «Faremo una stagione straordinaria, con un gruppo straordinario». Di certo il precampionato ha dato buone risposte, ora però i milanesi sono chiamati ad un esame importante in casa del Pro Piacenza, una delle squadre più quotate per la vittoria finale.

LA SCHEDA – Nome: US Inveruno Allenatore: Roberto Gatti Presidente: Silvano Garavaglia Stadio: Comunale di Inveruno Ultimo piazzamento: 1° in Eccellenza Lombarda Obiettivo dichiarato: Salvezza Stella della squadra: Jonathan Broggini

MODULO E FORMAZIONE –
Il tecnico Gatti ha schierato, nella vittoria di Coppa con la Caronnese, la sua squadra con un 4-1-4-1. Il neo acquisto Mazzini era seduto in panchina perché arrivato pochi giorni prima della gara, ma contro il Pro potrebbe anche esordire dal primo minuto; Sarr però è in forma, ha segnato un gol importante nell’ultima partita e si candida per il ballottaggio di spalla di capitan Broggini. Quindi potrebbe essere che il tecnico milanese decida di studiare una soluzione alternativa per far coesistere tutti, così come riproporre la stessa squadra uscita vittoriosa con la Caronnese. In ogni caso i rossoneri affronteranno una squadra inferiore a loro tecnicamente, ma che si conosce a memoria e possiede alcune individualità di spicco: guai a prenderla sottogamba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie D - Focus avversari: Seregno e Inveruno

SportPiacenza è in caricamento