Questo sito contribuisce all'audience di

Pro Piacenza - Zanchi: «Salviamoci il prima possibile, poi vediamo. Ledesma? Gran professionista»

In casa dei rossoneri parla il terzino sinistro arrivato in estate dal SudTirol. Domenica esordio al Moccagatta contro l'Alessandria

C’è attesa anche in casa Pro Piacenza per l’esordio in campionato, dopo una lunga preparazione che sta durando ormai da un paio di mesi. I rossoneri incroceranno i guantoni domenica pomeriggio (ore 16.30) al Moccagatta contro l’Alessandria, reduce dalla vittoria sulla Juventus B.
A fare il punto della situazione in casa Pro è Andrea Zanchi, terzino sinistro classe 1991 arrivato in estate dal SudTirol.
«Ho scelto il Pro perché ho trovato un club solido e ambizioso, arrivavo da un’annata importante al SudTirol e volevo proseguire su questa strada. Chiaro che le ambizioni devono essere quelle di centrare la salvezza il prima possibile, dopodiché vedremo. La squadra è stata costruita bene con un bel mix tra giovani e giocatori di categoria in grado di portare esperienza al gruppo».

Come vivete questa attesa infinita?
«Sono due mesi che siamo sul campo senza aver mai la sensazione che hai quando metti nell’obiettivo la partita di campionato. Purtroppo si è arrivati a fine settembre, ora sta a noi essere concentrati e cercare la giusta tensione perché ormai ci siamo, domenica finalmente si va in campo».

Come bisogna inquadrare l’Alessandria?
«Loro hanno sempre fatto campionati importanti costruendo grandi squadre e l’hanno dimostrato battendo la Juventus B».

Campionato estremamente competitivo a tutti i livelli?
«Vediamo prima l’eventuale nuova composizione dopo i possibili ripescaggi. Negli ultimi anni il Girone A era sempre considerato quello un po’ più abbordabile ma quest’anno è davvero di alto livello. Inoltre ci sono ancora molti giocatori in giro tra gli svincolati e questi danno la possibilità a squadre di medio-bassa classifica di rinforzarsi senza spendere cifre eccessive».

L’impatto con Ledesma?
«Ho visto un grande professionista perché non è così semplice dalla vetta della Serie A, come era lui, alla Serie C dove strutture, campi e anche tifoserie non sono al top. Nello spogliatoio ha portato ovviamente la sua grande esperienza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

  • Il Bertocchi diventa un campo all'inglese: erba artificiale, tribuna ampliata e coperta

Torna su
SportPiacenza è in caricamento