menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanni Abate

Giovanni Abate

Pro Piacenza - Pea: «Non vincere stava diventando un peso». Abate: «Prova di grande sacrificio». Pagelle

Il tecnico: «I ragazzi non se lo meritavano e per questo motivo ho scelto di adottare il 3-5-2 come soluzione “tampone”». Abate: «I tre punti ci servivano e ce li meritavamo». Zaffaroni: «Pagati i primi 20', poi abbiamo fatto la partita. Sprecato troppo»

«Onestamente cominciava a diventare un peso - spiega Fulvio Pea nel post partita - raccogliere complimenti e non i punti, i ragazzi non se lo meritavano e per questo motivo ho scelto di adottare il 3-5-2 come soluzione “tampone”, avevo bisogno di solidità e compattezza». Spiega così, il tecnico dei rossoneri, l’inedita scelta di giocarsi il 3-5-2 contro il Monza.
«Siamo partita bene poi, dopo il gol, è subentrata la paura; la stessa che avevo visto nelle volte precedenti quando andavamo in svantaggio, fermo restando che davanti avevamo un Monza davvero forte e colgo l’occasione per fare i miei complimenti alla proprietà che ha restituito vitalità e futuro a una piazza storica. Detto questo, di oggi - prosegue Pea - mi è piaciuto lo spirito di squadra: non è facile schierare quattro giocatori nuovi, oltre a Battistini, Cavagna e Abate considero anche Belfasti che era fresco, i ragazzi si sono aiutati tra di loro e hanno ottenuto vantaggi da questo modulo a discapito del bel gioco ma ripeto, oggi volevo solo i tre punti».

Evidenzia lo spirito di gruppo anche Giovanni Abate, all’esordio in rossonero. «Da maggio non giocavo una partita, sentivo bene la gamba, ho corso molto e aiutato i compagni e questa è l’unica cosa che conta. Sono soddisfatto della mia prestazione personale, tuttavia erano più importanti i tre punti perché ci servivano e ce li meritavamo. L’estetica conta poco a volte, però attenzione perché non dobbiamo assolutamente pensare di aver risolto i nostri problemi: domenica ci aspetta una nuova battaglia e dobbiamo essere bravi ad azzerare tutto e ripartire. Lo spirito di abnegazione e sacrificio sono la chiave della nostra vittoria».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento