menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pro Piacenza - La Sèleco chiede e ottiene la procedura al concordato preventivo

La casa madre, proprietaria del club, ha chiesto e ottenuto dal tribunale di Trieste il 22 ottobre scorso la procedura di concordato per ristrutturare i debiti.

Piove sul bagnato per il Pro Piacenza. Nei giorni scorsi sul portale dei Fallimenti del Tribunale di Trieste è comparso il decreto ufficiale con cui la Seleco, proprietaria del Pro Piacenza (di cui i giocatori hanno chiesto la messa in mora), ha chiesto l’ammissione al concordato preventivo, concesso dal Tribunale.

Insomma notizie non buone per il Pro Piacenza, l’azienda Seleco del presidente Maurizio Pannella con questa mossa sta tentando di salvarsi essendo il concordato preventivo uno strumento creato apposta per evitare il fallimento di un’azienda che versa in uno stato di crisi e insolvenza.
Due le date cardine, il 9 novembre Seleco dovrà “presentare una relazione informativa sull’attuale situazione patrimoniale, economica e finanziaria della società con particolare riguardo alle risorse finanziarie immediatamente disponibili” - si legge. E poi il 27 dicembre “entro questo termine presentare un programma dell’attività di rilancio”. Seleco può dunque proseguire la propria attività ma secondo i parametri indicati appunto dal concordato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento