menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente del Pro, Maurizio Pannella

Il presidente del Pro, Maurizio Pannella

Pro Piacenza - La fideiussione non è stata depositata e la squadra di domenica sarà una farsa

Solamente la Reggina ha presentato una regolare fideiussione accettata e validata, nulla per Cuneo, Lucchese e Pro Piacenza nonostante le rassicurazioni di Pannella.

PENALIZZAZIONE
Il Pro ha 12 punti e conta un -4 già scontato. Da questi 12 punti andranno tolti sicuramente altri 10 punti per gli stipendi pagati in ritardo il 16 ottobre, non saldati il 16 dicembre a la recidiva, e si scende così a 2 punti. La mancata deposizione della fideiussione porterebbe a un altro -8 (oltre ai 350mila euro di multa) andando così a -6. Attenzione, infine, che vanno assolutamente ricoperte alcune cariche dirigenziali obbligatorie altrimenti scattano altre penalizzazioni. Insomma nel giro di un mese i giovani arruolati da Panella e allenati da Maspero potrebbero ritrovarsi per la prima volta in un campionato di professionisti con il punteggio sottozero.

SQUADRA
Ma chi gioca domenica contro l’Alessandria al Garilli (ore 14.30)? Dei vecchi non è rimasto più nessuno, chi ha potuto si è svincolato chi non l’ha fatto prosegue nello stato di agitazione. Il fronte della Berretti si è letteralmente sgretolato, di questi solamente quattro hanno risposto alla chiamata di Pannella: Amabile, Hoxha, Abu e Maserati, tutti gli altri si sono rifiutati. E quindi? Per circuire il diktat della Lega che proibisce il calciomercato per i club in determinate situazioni (indici non in regola) Pannella e il suo manipolo di collaboratori hanno deciso di tesserare a gogo giovani classe 1999-2000 provenienti da Roma e Salerno con i contratti di “addestramento accademico” al minimo, contratti che per regolamento giovani non vanno dentro alla fideiussione (che non c’è) e quindi possono essere tesserati. Cio comporterà alla fine una squadra di una dozzina o poco più di giocatori, tutti giovanissimi e alla prima esperienza in Serie C. Proprio su questo punto si è concentrato l’ennesimo esposto dell’ex dg Londrosi che parla di «slealtà sportiva nel non schierare la miglior formazione possibile» e quindi di «violazione delle Noif».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento