menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pro Piacenza, la fideiussione è ancora un giallo. I rossoneri rischiano una pesante penalizzazione

Da quanto filtra i rossoneri, Lucchese e Matera non hanno regolarizzato la fideiussione Finworld che andava cambiata entro ieri, lo stesso per la Reggina che ha presentato ricorso. I piacentini ora rischiano il -8 in classifica e una multa da 350mila euro

Nessuna nota ufficiale da parte del Pro Piacenza sulla questione relativa alla fideiussione Finworld, che la Figc il 30 agosto aveva chiesto di cambiare entro la data, perentoria, del 28 settembre a mezzanotte, cioè ieri. Erano 10 le squadre di Serie C costrette a cambiarla, tra cui il Pro, di cui 6 entro ieri sera hanno comunicato ufficialmente di aver sostituito la garanzia (Arzachena, Cuneo, Juve Stabia, Rende, Siracusa e Teramo), mentre per tre non c’è stata alcuna comunicazione e secondo la Gazzetta dello Sport non l’hanno presentata: Pro Piacenza, Lucchese (Moriconi in giornata ha però dimostrato con le carte di averla fatta), Matera e Reggina. Quest’ultima, la Reggina, ha comunicato invece di aver presentato ricorso al Tribunale Federale Nazionale (Tfn) per vedersi convalidare la prima fideiussione presentata il 30 giugno scorso, nel caso di rifiuto chiede una nuova proroga per reperirne un’altra. Il motivo è il fatto che in un primo momento la fideiussione Finworld era stata accettata dalla Covisoc, solamente il 20 luglio, però, la Banca d’Italia aveva tolto dall’albo la Finworld invalidando, per la Lega, di fatto la garanzia di 10 club. Su questo punto si aggrappa il ricorso che presenterà la Reggina.
Sul fronte Pro Piacenza, invece, tutto tace. Abbiamo chiesto per tutta la giornata di ieri notizie in merito ai responsabili del club ma non abbiamo ottenuto alcuna risposta, in tarda serata la Gazzetta del Sud ha elencato le quattro squadre citate tra cui anche il Pro Piacenza e arrivano diverse conferme in questo senso anche se, in giornata, si attende almeno una nota ufficiale della società per chiarire la posizione.

E ora? Le società che non l’hanno cambiata rischiano una pesantissima sanzione, secondo il comunicato della Figc del 30 agosto potrebbero arrivare 8 punti di penalizzazione (a cui aggiungere il -1 che Pro prenderà a ottobre per aver presentato in ritardo la fideiussione), una multa salatissima di 350mila euro (pari all'importo della fideiussione) e il blocco dei contributi giovani da parte della Lega.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento