menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La delusione dei rossoneri a fine gara (foto Trongone)

La delusione dei rossoneri a fine gara (foto Trongone)

Un brutto Pro Piacenza permette all'Arezzo di continuare a sperare

Rossoneri impacciati e imprecisi: vanno sotto 1-0, recuperano ma nel secondo tempo non hanno più la forza di reagire dopo il 2-1 dei toscani

Finisce con l’Arezzo che esulta sotto la curva dei tifosi ospiti, al termine di una gara in cui i toscani hanno meritato i tre punti. Una squadra data per morta, un gruppo a più riprese penalizzato (e che attende nuove sgradite sorprese) ma che in campo ha dimostrato di avere voglia di conquistarsi la salvezza. Complimenti alla formazione di Pavanel, in grande difficoltà invece un Pro Piacenza per nulla preciso e a lungo confusionario, incapace di reagire di fronte alle folate degli avversari e soprattutto abbattuto da un immarcabile Cutolo, vera spina nel fianco dei rossoneri per tutta la gara. Sicuramente merito suo, ma anche i rossoneri non riescono a trovare le giuste contromisure di fronte a un giocatore che fino a quando è rimasto sul terreno di gioco ha fatto quello che ha voluto.

Poi a parziale giustificazione dei piacentini c’è anche da dire che il calendario non ha certamente favorito la squadra di Pea, mettendola di fronte ad avversari molto più freschi in un momento in cui invece Alessandro e compagni sono parsi sulle gambe. Mai primi sulle palle contese, addirittura a un certo punto della ripresa la formazione si è letteralmente spaccata in due e questo ha impedito alla squadra di giocare palla a terra. Affidarsi ai lanci lunghi e a qualche cross per le caratteristiche degli attaccanti significa sperare di vincere alla lotteria di capodanno, così una volta sotto 2-1 l’Arezzo non ha praticamente mai rischiato nonostante l’ingresso di Belfasti avesse portato discreta vivacità sulla fascia sinistra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento