rotate-mobile
Serie C

Urso castiga il Fiorenzuola: ai play out i rossoneri sfidano il Novara

La squadra di Tabbiani superata per la terza volta da quella di Gattuso che negli incroci per la salvezza avrà anche il vantaggio del fattore campo

Tutto cambia per non cambiare nulla. Il pomeriggio del “Piola” racconta di un Novara che per almeno mezz’ora vede la salvezza, di una Pergolettese che passa da potenziale avversaria dei rossoneri ai play out al quattordicesimo posto e di una Pro Sesto, vittoriosa, che retrocede visti i nove punti di distacco dall’Arzignano. Sarà quindi l’incrocio tra Novara e Fiorenzuola a decidere la terza retrocessione in Serie D al termine del doppio confronto in programma il 12 ed il 19 maggio: i piemontesi avranno il vantaggio del fattore campo e di due risultati utili su tre oltre ad un fattore psicologico da non sottovalutare considerando che in campionato e Coppa con i rossoneri non hanno mai perso una partita.

La sfida si decide nel primo tempo con la doppietta di uno straripante Urso, la ripresa è buona per inscenare una partita a scacchi senza scoprire potenziali mosse con i tifosi piemontesi in attesa di notifiche da Gorgonzola, notifiche dal sapore amaro. Il Fiorenzuola pressa sin dal primo pallone controllato dai padroni di casa che sono costretti a girare al largo dalla porta difesa da Sorzi: al quinto il primo corner, conquistato e battuto da Brogni ma allontana la difesa piemontese. Al sedicesimo la prima proiezione offensiva del Novara si trasforma nella prima vera occasione del pomeriggio: dopo una discesa di Ceravolo che non trova fortuna in mezzo i piemontesi ripartono con Ongaro che entra in area e calcia sul palo dopo aver messo a sedere Sorzi; non ne approfitta Di Munno che da fuori area trova soltanto un corner.

A metà frazione Khailoti si ferma per un problema muscolare per il primo cambio dei padroni di casa, non si ferma invece Urso al quarto timbro consecutivo: è il ventiseiesimo quando Ongaro beffa la marcatura di Cremonesi servendo proprio ad Urso che scarica di forza alle spalle di Sorzi. Il gol cambia completamente inerzia al primo tempo con il Novara - in quel momento salvo visti i risultati di Pergolettese e Pro Sesto - che spinge in cerca del raddoppio: il Fiorenzuola si vede al trentaseiesimo con Bocic che calcia dal limite, Minelli controlla la conclusione tesa ma troppo centrale. C’è però ancora spazio per il raddoppio degli Azzurri perchè Urso riceve al limite dell’area, in posizione defilata sulla sinistra, fa due passi e recapita in rete, appena sotto l’incrocio.

Subito dentro Musatti a metà campo con mister Tabbiani che lascia negli spogliatoi Mora, ammonito nelle fasi iniziali della gara: da lì a otto minuti in campo va anche Morello che rileva Bocic sulla sinistra del tridente. Il Fiorenzuola deve dosare le forze in vista del prossimo doppio impegno play out mentre il Novara può soltanto aspettare le notizie dalle partite di Pergolettese e Pro Sesto con il doppio vantaggio che appare piuttosto solido e mai veramente in bilico: ne deriva una ripresa a tratti abulica con il Fiorenzuola che prova a rivoluzionare il tridente innestando Alberti e Anelli.

Con lo scorrere dei minuti i ritmi si fanno sempre meno intensi: anche dalla panchina del Novara arrivano alcune variazioni sul tema ma a variare non è di certo il risultato che resta impassibile di fronte ad una folata mancina di Musatti ed un bel colpo di testa di Alberti alzato in angolo. Al termine dei sei minuti di recupero concessi dal direttore di gara per il Fiorenzuola il nastro si riavvolge a sabato scorso: ci sarà ancora una volta il Novara nel destino sportivo dei rossoneri.

NOVARA-FIORENZUOLA 2-0

(primo tempo 2-0)

NOVARA: Minelli, Urso, Bonaccorsi, Bertoncini, Gerardini (89’ Ngamba), Di Munno (89’ Schirò), Ongaro (79’ Corti), Khailoti (23’ Migliardi), Bentivegna (79’ Vilhjalmsson), Ranieri, Boccia. A disposizione: Menegaldo, Desjardins, Cannavaro, Caravaca. All.: Gattuso

FIORENZUOLA: Sorzi, Potop, Nelli, Bocic (53’ Morello), Ceravolo (63’ Alberti), Cremonesi, Mora (46’ Musatti), Brogni, D’Amico (63’ Anelli), Di Gesù (81’ Popovic), Reali. A disposizione: Bertozzi, Grisendi, Bondioli, Binelli, Seck, Oneto, Iasoni, Sussi. All.: Tabbiani
ARBITRO: Mirabella di Napoli (assistenti: Giuggioli di Grosseto e Picciché di Trapani)

RETI: 26’, 45’ Urso

NOTE: AMMONITI: Khailoti, Di Munno (N); Mora, Bocic (F); ANGOLI: 4-4; RECUPERO: 2’ pt,  6’ st

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urso castiga il Fiorenzuola: ai play out i rossoneri sfidano il Novara

SportPiacenza è in caricamento