menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pro Piacenza regge un tempo, poi il Livorno si sveglia e segna tre gol

Primi 45' di marca rossonera dove però non arriva il gol. Nella ripresa i toscani premono e passano tre volte con Murilo, Doumbia e Vantaggiato

Fare gol. Un imperativo che tradisce i rossoneri, un imperativo che fa volare un Livorno che scende davvero in campo soltanto nella ripresa. Nel primo tempo c’è infatti molto più Pro che Livorno in campo. I rossoneri dopo il fischio d’inizio si slanciano in avanti già dal secondo minuto con un bel cross di La Vigna che Bazzoffia non riesce a finalizzare. L’occasione più ghiotta che viene seguita da quarantacinque minuti dove i rossoneri imbastiscono ma non finalizzano. Un peccato capitale. Soprattutto perché all’uscita dagli spogliatoi il Livorno è trasformato e concretizza alla prima occasione: Mendes Murilo gira in porta, Gori e tutto il Pro restano sorpresi. Sorpresi dopo quarantacinque minuti di totale controllo, colpiti a freddo da un Livorno che cresce ed imperversa. Senza concedere tregua fino al terzo gol. Impresa fallita: non era certo la partita più agevole per sbloccare la classifica ma per quarantacinque minuti i rossoneri avevano dimostrato di poter tener testa alla seconda della classe.

TANTO PRO – Senza paura. Davanti alla seconda in classifica i rossoneri scendono in campo rendendosi subito pericolosi. É il secondo minuto quando La Vigna scende sulla sinistra, mette in mezzo un gran pallone che Bazzoffia calcia altissimo. Lo stesso Bazzoffia al nono si ritrova solo davanti a Pulidori dopo un filtrante di Barba: c’è fuorigioco. Al diciannovesimo Alessandro tenta il tiro a giro “alla Del Piero” ma la sfera termina di poco fuori. Il Livorno dopo una folata in avvio di Vantaggiato si rivede al ventiquattrestimo con Gasbarro che dai trenta metri scaglia una bordata: Gori segue il pallone sfilare fuori. Dopo quattro minuti Morelli manovra sulla destra e serve un pallone in mezzo per Valiani: la conclusione in spaccata del centrocampista amaranto è completamente fuori misura. Fuori misura anche due conclusioni di La Vigna abile a smarcarsi sul limite dell’area ma impreciso nelle sue conclusioni. Manca la concretezza, non l’intraprendenza: tanto Pro, poco Livorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento