rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Serie C

Emergenza Coronavirus - Ghirelli: «Speriamo di non dover arrivare a bloccare tutte le gare di Serie C»

Il presidente della Lega Pro sul possibile blocco totale della terza serie: «Su questo adesso non si può dire molto perché navighiamo a vista». Sì a Cesena-Vicenza e stop a Vicenza-Piacenza: «Le nostre decisioni derivano da quelle dei ministeri preposti»

Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, è intervenuto sulle colonne di tuttoc.com con una lunga intervista in cui spiega come sta agendo la Serie C rispetto all’allarme Coronavirus. Alcune partite sono state rinviate per questa domenica, altre lo sono già per il turno infrasettimanale di mercoledì 26 febbraio ma c’è l’altissima probabilità che altre partite vengano rinviate anche nelle giornate successive. Il Piacenza, ad esempio, dopo gli stop contro Samb e Vicenza, rischia di vedere rinviati anche i match contro Pesaro e FeralpiSalò dell’ 1 e 8 marzo, rischiando di intasare il calendario ad aprile.
«La salute passa davanti a tutto - spiega Ghirelli a tuttoc.com - detto questo, mi auguro veramente che non si arrivi a dover bloccare tutto. Ma su questo adesso non si può dire molto perché navighiamo a vista. Con la saggezza che ci deve contraddistinguere esamineremo questa situazione. Lo stop alle partite, però, porta con sè un altro problema, quello economico. Il Governo sta ragionando sul decreto per le misure economiche nelle aree colpite: in alcuni dei nostri club la situazione potrebbe diventare pesante, visti i mancati incassi. Quindi spero che si tenga conto anche delle loro problematiche».

E ancora sul fatto che il Vicenza oggi gioca a Cesena con 1400 tifosi al seguito ma mercoledì non potrà giocare in casa contro il Piacenza: «La circolare del governo ad oggi è chiara: se una squadra veneta o lombarda deve andare a giocare in un'altra regione va, se invece deve giocare sul proprio campo, ovvero nei territori interessati dall'allarme coronavirus, allora si sospende la partita. Le nostre decisioni, ripeto, derivano da quelle dei ministeri preposti. Noi abbiamo avuto e dobbiamo avere un atteggiamento che non sottovaluti nulla, quindi non superficiale, ma allo stesso tempo non dobbiamo far mosse che propaghino ulteriormente la paura. Quindi continuiamo a rimanere a contatto con chi ha la situazione territoriale e medica sotto controllo e decidere di conseguenza alle loro scelte».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Coronavirus - Ghirelli: «Speriamo di non dover arrivare a bloccare tutte le gare di Serie C»

SportPiacenza è in caricamento