menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos Pro Piacenza, giocatori sul piede di guerra. Giannichedda prova a far quadrato, domenica arriva il Cuneo

La proprietà Seleco non ha versato gli stipendi entro la data del 16 ottobre, mercoledì dopo il turno infrasettimanale può partire la messa in mora a meno di un intervento del presidente Pannella

Nave senza nocchiero in gran tempesta. Si può senza dubbio scomodare l’Inferno dantesco per dipingere l’attuale situazione che sta vivendo il Pro Piacenza. Una nave che aspetta ancora una decisa virata verso le risposte di una società che ha perso in settimana il DG Santoro e non ha versato stipendi e contributi a staff tecnico e giocatori.
Alla vigilia della sfida con il Cuneo in programma domani sera alle 20:30 è quanto succede lontano dal campo a tenere banco con mister Giannichedda che ha provato a costruire un muro intorno ai suoi ragazzi. «Abbiamo cercato di capire quanto successo a livello societario: noi siamo qui per giocare a calcio ed al momento non sono emerse novità. Tutti i ragazzi stanno facendo bene e anche a Pisa credo avremmo meritato qualcosa di più. Il Cuneo è una squadra brava a tornare dietro la linea della palla e a pressare in ogni zona del campo».
La sensazione palpabile dalle parole dell’allenatore rossonero è quella di un misto tra speranza e sconforto visti anche i precedenti di alcuni tesserati del Pro con, tra gli altri, Sanseverino che ha visto chiudere baracca l’Akragas e Nolè protagonista della breve cavalcata in serie C del Racing Fondi e del Modena. «Ora abbiamo due partite ravvicinate da giocare con il coltello tra i denti, speriamo di ricevere risposte tra lunedì e martedì». Con gli istituti bancari chiusi ed eventuali transazioni bloccate fino all’inizio della prossima settimana, occorrerà aspettare ancora qualche giorno per capire se la tempesta si abbatterà davvero sulla società di via De Longe. Una tempesta che prenderebbe la forma di una forte penalità in classifica e che minerebbe alle fondamenta una formazione capace di stupire nelle prime quattro uscite. Con più risposte in campo che fuori.

PROBABILE FORMAZIONE
Zaccagno, Pasqualoni, Mangraviti, Maldini, Kalombo, Remedi, Ledesma, Sicurella, Zanchi, Scardina, Nolè

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento