Questo sito contribuisce all'audience di

Pro Piacenza - Fulvio Pea, lo special one della linea verde: «Giochiamo bene e salviamoci il prima possibile»

Il tecnico rossonero è alla sua seconda stagione al Pro Piacenza. «Il mercato? Se si presenterà l'occasione giusta la coglieremo»

Fulvio Pea ha la stessa carica di sempre, scalpita per iniziare. E’ alla sua seconda stagione con la maglia rossonera del Pro Piacenza e gode della massima fiducia del presidente Burzoni. Il suo Pro è una squadra con un’età media piuttosto bassa, con tanti ragazzi alla prima esperienza tra i professionisti, e ciò rappresenta l’occasione giusta per lavorare con la sua materia prima preferita, ossia i giovani. Nel circuito degli allenatori lo considerano un guru in materia, lo “special one” dei settori giovanili. Un insegnante di calcio prima di tutto, che già nella passata stagione ha raggiunto ottimi risultati rimanendo fuori dai play off per un alito di vento. Ciò non gli ha impedito di mantenere i piedi ben piantati per terra: «Quali sono i nostri obiettivi? Salvarci il prima possibile».

Come procede la preparazione del Pro Piacenza?

«Procede bene, come prevede la tabella di marcia di questo periodo ci stiamo allenando costantemente, anche due volte al giorno, per arrivare a giocare ad armi pari con i nostri avversari. Il nostro lavoro verte su tutti gli aspetti, dalla preparazione atletica al lavoro tecnico e tattico».

Sabato avete giocato una buona partita con il Sassuolo, che indicazioni le ha dato?

«Le gare di questo periodo non hanno valore, servono per allenarci e per spezzare la routine degli allenamenti della settimana. Certo è stata una partita molto piacevole da parte nostra, perché incontrare un club di serie A così importante è un grande onore per noi. L’abbiamo sfruttata per capire dove possiamo lavorare e dove cambiare».

E dove deve migliorare questo Pro Piacenza?

«Deve migliorare in tutto. E’ una squadra fatta con ragazzi giovani e con poca esperienza. Si deve lavorare sia sulla fase offensiva che su quella difensiva. Non potrebbe essere altrimenti, anche perché il nostro è un gruppo molto rinnovato». 

Insieme al Piacenza siete stati inseriti nel girone A, quello a 20 squadre. Una sua prima analisi del girone?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Tutti gli anni le squadre cambiano moltissimo, per me le più attrezzate sono Alessandria, Livorno e Pisa che a mio modo di vedere saranno le tre pretendenti al titolo finale. Poi non dimentichiamoci di Viterbese, Arezzo, Siena, Piacenza e Renate, tutte compagini che potrebbero essere potenziali sorprese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento