menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stadio Garilli: le posizioni di Piacenza e Pro Piacenza sono ancora molto distanti

Il sindaco Barbieri e il suo vice Baio incontrano Stefano Gatti e Alberto Burzoni in due momenti distinti. Al momento non si trova una soluzione per l'affitto che vada bene a entrambi

Doveva essere una giornata in cui avvicinare le parti. Invece al termine del doppio incontro le posizioni di Piacenza calcio e Pro Piacenza rimangono molto distanti. Al centro della questione sempre l’affitto dello stadio Garilli: la società biancorossa ha vinto il bando per l’assegnazione dell’impianto e quella rossonera, stando a quanto previsto, dovrebbe pagare l’affitto per disputare le gare interne del campionato di Serie C. Fin qui niente di nuovo: l’oggetto del contendere è la tariffa richiesta dal Piacenza e ritenuta troppo onerosa dai dirigenti del Pro. Da via Gorra non si spostano dai 7mila euro a gara, da via De Longe ritengono 3500 euro una tariffa corretta. Incontrarsi a metà strada, dunque intorno ai 5mila euro, è la speranza dell’amministrazione comunale, ma al momento nessuna delle due parti ha intenzione di fare passi indietro.

Oggi il sindaco Patrizia Barbieri e il suo vice Elena Baio hanno incontrato in due momenti distinti Stefano Gatti, presidente onorario del Piacenza, e Alberto Burzoni, numero uno del Pro. In mattinata è toccato all’esponente biancorosso presentare la propria posizione al primo cittadino, nel primo pomeriggio è stata la volta del massimo dirigente rossonero.

Passi in avanti ufficiali non se ne sono fatti, anche se lavorando sottotraccia  gli esponenti dell’amministrazione sperano di trovare una soluzione che consenta a entrambe le formazioni di disputare le gare interne al Garilli.

«Fra lo stadio, il Bertocchi e i campi di via Millo - ha chiarito Stefano Gatti - paghiamo al Comune 350mila euro senza ricevere alcun contributo. Abbiamo partecipato a un bando pubblico e lo abbiamo vinto, adesso non possiamo sottostare a condizioni che vengono calate dall’alto».

Rimane ferma anche l’opinione di Alberto Burzoni: «Le cifre richieste sono troppo elevate. Non vogliamo l’impianto gratis, ma a prezzi adeguati. Per il momento siamo ancora molto distanti, ma nel giro di qualche settimana una soluzione deve essere trovata».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento