Questo sito contribuisce all'audience di

Serie A - Tremano Parma e Chievo, rinviate a giudizio rischiano la Serie B

Gli emiliani rischiano la responsabilità oggettiva per i messaggi di Calaiò ai giocatori dello Spezia e quindi una penalizzazione, se fosse sul campionato scorso salterebbe la promozione in A. I veneti sono accusati dalla Procura Federale di plusvalenze fittizie

Calcio italiano sempre più in ginocchio, agli orami classici terremoti che contraddistinguono da anni le estati di Serie C (quest’anno tanto per cambiare sono saltate Modena, Reggiana, Fidelis Andria e Mestre, la Lucchese si è salvata in extremis) e quelle crescenti di Serie B (fallite Cesena e Bari, il Foggia partirà con un -15) rischia di aggiungersi ora anche la Serie A.
A tremare questa volta sono Parma e ChievoVerona. Le richieste della Procura contro il Parma sono di 4 anni di squalifica di Calaiò e una penalizzazione per il club: o 2 punti con il principio della pena afflittiva sullo scorso campionato, e quindi il sorpasso in classifica di Frosinone e Palermo con la mancata promozione in Serie A, oppure 6 punti da scontare nel prossimo campionato di Serie A 2018/2019.
Il Chievo, invece, è rinviato a giudizio dalla Procura federale per presunte plusvalenze fittizie che avrebbero permesso al Chievo di creare i requisiti di bilancio corretti per l’iscrizione ai campionati 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Dilettanti - Nessuna novità. Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria ripartiranno a febbraio? Il problema è la Terza

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento