Lunedì, 22 Luglio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fagioli: «Spero di tornare a inizio agosto. Il prossimo anno? Voglio più gol e più assist». VIDEO

Il centrocampista della Juventus analizza momenti belli e periodi bui dell'ultima stagione. «Per imparare devi commettere degli errori»

La fase di rieducazione dopo l’operazione alla clavicola la sta trascorrendo in parte anche a casa, con qualche puntata al Torneo Libertas dove viene sempre travolto dall’affetto dei tifosi. Nicolò Fagioli ha ancora tutti i riflettori puntati addosso, dopo una stagione eccellente con la casacca della Juventus, e al canale youtube della Serie A ha raccontato progetti e obiettivi futuri.

«Spero di tornare per fine luglio-inizio agosto. L’infortunio? Non è stata un’entrata cattiva, il mio avversario arrivava a tutta velocità e io ero a peso morto».

L’occasione dell’intervista è la premiazione come miglior giocatore Under 23 della Serie A. «Un premio importante, perché è stata una stagione difficile ma bellissima a livello personale iniziando dal gol con il Lecce, la mia prima rete in Serie A che ha coinciso con una vittoria 1-0. La settimana successiva con l’Inter è arrivato il bis».

Poi ci sono stati anche momenti complicati, come l’errore con il Sassuolo. «Mi è dispiaciuto parecchio, perché era un periodo difficile, avremmo dovuto vincere e invece siamo stati sconfitti a causa del mio errore. La settimana successiva a Napoli stavo giocando bene e ho mancato una copertura su cui i partenopei hanno segnato. Dopo Sassuolo mi sono sfogato, lo avete visto tutti, ma è stato un momento importante perché capisci che tutti possono sbagliare. Per imparare devi commettere errori».

Sul futuro il centrocampista ha le idee chiare. «Sono sempre stato juventino, perché lo sono anche i miei genitori e i miei nonni. A livello personale spero di segnare qualche gol in più e anche qualche assist perché lo ritengo fondamentale per la squadra».

Video popolari

SportPiacenza è in caricamento