menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Marotta, Agnelli, Ronaldo, Paratici e Mendes (foto juventus.com)

Da sinistra: Marotta, Agnelli, Ronaldo, Paratici e Mendes (foto juventus.com)

Fabio Paratici e l'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juve: «Agnelli mi ha detto: cerca di capire se esiste un'opportunità»

Il piacentino, direttore sportivo bianconero, principale protagonista dell'approdo di CR7 in Italia. «Tutto nasce della rovesciata nella gara di Champions League»

C’è Fabio Paratici dietro l’affare del secolo. Nasce proprio da un colloquio fra il piacentino, direttore sportivo della Juventus, e Jorge Mendes, agente del giocatore, la possibilità di portare Cristiano Ronaldo a Torino.

Normalmente Paratici è uno che parla poco (anzi, praticamente mai) e preferisce i fatti. Ma questa è un’occasione particolare e nel giorno della presentazione di Ronaldo il diesse bianconero sceglie i microfoni di Sky per illustrare i retroscena dell’affare più incredibile degli ultimi decenni. «Tutto è nato dopo la gara di andata della sfida di Champions con il Real Madrid - spiega Paratici - quella della famosa rovesciata e della standing ovation ricevuta dal pubblico dell’Allianz Stadium».

Qualche giorno dopo il direttore sportivo della Juventus e Mendes si sentono e nasce l’idea, inizialmente definita “folle”. «Mi ha detto: Cristiano è stato colpito da questa attenzione e un giorno vorrebbe venire alla Juventus. Ho risposto: va bene, ci sono tanti sogni, anche se pochi si avverano».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento