Questo sito contribuisce all'audience di

Agazzanese - Melotti: «Noi ambiziosi, ma sarà difficile»

Non si nasconde, Sandro Melotti. Dopo il primo successo in campionato, il tecnico dell’Agazzanese da un lato ammette la forza del gruppo che guida dal marzo do quest’anno, dall’altro considera l’obiettivo dell’Eccellenza tutt’altro che semplice...

Sandro Melotti, tecnico dell'Agazzanese
Non si nasconde, Sandro Melotti. Dopo il primo successo in campionato, il tecnico dell’Agazzanese da un lato ammette la forza del gruppo che guida dal marzo do quest’anno, dall’altro considera l’obiettivo dell’Eccellenza tutt’altro che semplice: “Ci sono almeno altre 3 squadre costruite per vincere il campionato – spiega Melotti - e mi riferisco alla Picardo, al Brescello e al Montecchio. Noi siamo nel gruppo delle squadre ambiziose, ma la concorrenza è davvero importante”.

Sei arrivato all’Agazzanese nella passata stagione a campionato in corso e per un niente non avete centrato i play off. La società però non ha avuto dubbi sulla tua conferma.
“Credo sia stato apprezzato il mio modo di lavorare, indipendentemente dal mancato accesso ai play off. Finito il campionato scorso, insieme ai dirigenti ci siamo subito messi attorno a un tavolo e senza problemi abbiamo trovato l’accordo per proseguire la strada insieme. Per quanto mi riguarda ho trovato dirigenti competenti e una società davvero organizzata”.

Soddisfatto del mercato?
“Non potrei davvero chiedere di più. La società ha confermato in gran parte il gruppo che tanto bene ha fatto l’anno scorso e lo ha potenziato con giocatori che possono davvero permetterci il salto di qualità. Ora però tocca a noi ed è sempre il campo a dare le risposte”.

C’è qualche giovane del gruppo da te allenato su cui scommetteresti?
“Non voglio fare nomi. Però voglio dire che i giovani non potrebbero trovare gruppo migliore per crescere. Fin da quando sono arrivato ad Agazzano ho trovato ragazzi seri, con una grande propensione al lavoro e al sacrificio, e collaboratori con i quali è un piacere lavorare e mi riferisco al mio vice Franzini e al preparatore dei portieri Ferrari”.  

Nel primo turno avete subito vinto con il San Secondo.
“Abbiamo vinto, ma, nel finale di partita, abbiamo sofferto un po’ troppo. Sono convinto che la mia squadra possa dare ancora molto di più. Dobbiamo essere più cinici negli ultimi metri per concretizzare le numerose occasioni che sappiamo creare ogni domenica”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • La Gas Sales Bluenergy rischia il crollo, va sotto 2-0 poi recupera e batte Padova al tie break

Torna su
SportPiacenza è in caricamento