menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta aerea dello stadio Leonardo Garilli

Una veduta aerea dello stadio Leonardo Garilli

Tra Piacenza e Pro Piacenza manca ancora l'accordo per lo stadio Garilli

Il club biancorosso avendo vinto il bando è il nuovo gestore e ha deciso di portare il canone d'affitto per una partita da 3mila a 7mila euro. Gatti: «E' un prezzo inferiore alla media di mercato». Il Pro Piacenza sembra non aver gradito l'aumento

Prima o poi la questione stadio Garilli doveva emergere e finire sul piatto. Al momento non è necessario accendere gli allarmi, tuttavia è innegabile il fatto che ci sia un problema: a oggi Piacenza e Pro Piacenza non hanno ancora trovato un accordo sullo stadio. Ricapitolando: il Piacenza Calcio ha vinto il bando per la gestione nelle scorse settimane e, in qualità di gestore - secondo quanto scritto nel bando - può decidere il prezzo a cui affittare lo stadio ad altri club, nella fattispecie il Pro Piacenza. Fino al giugno scorso erano in vigore le vecchie regole, con i biancorossi che gestivano il Garilli e affittavano la struttura ai rossoneri a un prezzo “calmierato” da precedenti accordi intercorsi con la vecchia amministrazione comunale.
Oggi le carte in tavola sono cambiate, questi accordi sono cessati e il Piacenza è sempre intenzionato ad affittare la struttura al Pro Piacenza ma a un prezzo differente; e in via De Longe sembra non abbiano gradito l’aumento. A confermalo è lo stesso presidente onorario Stefano Gatti.

«Per partecipare al bando abbiamo dovuto produrre anche una fideiussione - spiega Gatti - che ovviamente è un costo, al Pro Piacenza ho fatto un’offerta che si aggira sui 7mila euro a partita, cifra decisa in base alla media degli affitti praticati da altri club nel nord Italia, dopodiché non ho più ricevuto risposta».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento