rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Piacenza Calcio

Tensione e pochi risultati, ma Scianò conferma: «Piena fiducia in Scazzola». Cesarini: «Diamoci una svegliata»

Duro scontro in campo e fuori tra Lamesta e Parisi. Il direttore sportivo però cerca di riportare la calma: «Il cambio del mister è un'opzione che non abbiamo mai preso in considerazione. Dobbiamo piuttosto intervenire sulla rosa». Alla ripresa il 9 gennaio mancheranno Suljic, Bobb e Corbari a centrocampo

Realab Proposta2-74 (trascinato)Passata la nottata e scemata la tensione post sconfitta - evidente quando attorno all’86 Parisi e Lamesta vanno muso a muso per dirsi qualcosa - il Piacenza si tuffa nel riposo della sosta natalizia al termine di un girone di andata dal bilancio più negativo che positivo.
Lo ha detto chiaramente Cesarini dopo la gara: «Va bene il rigore non concesso a noi, ma dobbiamo darci una svegliata e fare di più». Il capitano non ha usato mezzi termini. Addirittura si vociferava di un possibile cambio in panchina in caso di un bilancio negativo tra Feralpi, Seregno e Trento, cioè le ultime tre gare dell’anno, con il ds Scianò pronto a sostituire Scazzola con Gautieri (leggi qui)
A riguardo è lo stesso Scianò a intervenire a stretto giro di posta. «Assolutamente non è così. Ho e abbiamo piena fiducia nel nostro mister e il cambio in panchina non ci è mai passato per la testa. Sono notizie che nascono senza verità, soprattutto quando si entra nel calciomercato, e la smentisco categoricamente. Il cambio del tecnico non è mai stato preso in considerazione, piuttosto dobbiamo sfoltire la rosa e fare spazio per alcuni innesti nella sessione invernale di mercato».

Quindi allarme rientrato per Scazzola, tuttavia rimane quello della rosa che andrà rivista. Corbari ne avrà almeno per un paio di mesi, Bobb parte per la Coppa d’Africa e starà via fino alla fine di gennaio. A queste due assenze va aggiunto Suljic, che dovrà saltare la prima del 2022, il 9 gennaio al Garilli contro la Virtus Verona, per squalifica. Quel giorno il centrocampo biancorosso sarà letteralmente decimato, quindi è probabile un intervento immediato alla primissima apertura del mercato il 2 gennaio perché il rischio è di presentarsi con i soli Marino e De Grazia disponibili per mediana. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tensione e pochi risultati, ma Scianò conferma: «Piena fiducia in Scazzola». Cesarini: «Diamoci una svegliata»

SportPiacenza è in caricamento