menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Serie D - Il Piacenza torna al lavoro in vista dell'Este - 1

Serie D - Il Piacenza torna al lavoro in vista dell'Este - 1

Serie D - Il Piacenza torna al lavoro in vista dell'Este

La vittoria di Fidenza ha reso il Natale di tutti i tifosi biancorossi un po’ più sereno. La distanza dalla vetta rimane elevata (-9), ma almeno ci si è ritagliati lo spazio per credere in quella che rimane una difficilissima rimonta. Il Rimini...

La vittoria di Fidenza ha reso il Natale di tutti i tifosi biancorossi un po’ più sereno. La distanza dalla vetta rimane elevata (-9), ma almeno ci si è ritagliati lo spazio per credere in quella che rimane una difficilissima rimonta. Il Rimini, decisamente la squadra da battere, ha preso quattro scoppole a Correggio e ha dimostrato di avere anch’essa qualche debolezza. Il Piacenza, dal canto suo, con qualche innesto si è sistemato e ora, dopo aver messo insieme due vittorie scaccia crisi, può guardare con più ottimismo alla sfida del 4 gennaio contro la rivelazione Este. Di sicuro non ci sarà all’appuntamento Stefano Mauri, espulso nella partita contro il Fidenza per aver spintonato Grillo (anche lui cacciato nell’occasione) e sanzionato con tre giornate di squalifica dal giudice sportivo. La società di via Gorra esporrà reclamo contro la decisione, sperando di ricevere uno sconto di pena per il suo regista. Il centrocampista ex Lecco, tante volte il migliore in questa prima parte di stagione, aveva già scontato un turno di squalifica contro il Fiorenzuola dopo aver preso un giallo ingenuo per proteste a Imola, ora non ci sarà con l’Este e per le due gare successive. Tutti presenti invece alla ripresa degli allenamenti fissati per sabato 27 dicembre.

Finalmente tante belle sensazioni, invece, dal reparto under: Saber, Compiani e Zagnoni sono cresciuti e danno garanzie. Loro, inizialmente poco impiegati dal tecnico Monaco, potranno essere ottime risorse per il girone di ritorno. La notizia che dà più serenità di tutte, comunque, è che il Piacenza, a prescindere dall’epilogo dell’attuale stagione, continuerà ad avere un futuro anche oltre il progetto triennale prospettato dopo il fallimento del club nel 2012. Se la C non dovesse arrivare, ci sarà in ogni caso la possibilità di riprovare l’anno prossimo e se questo è il dazio da pagare per avere un futuro più solido: ben venga.

FUSIONE - A proposito di futuro, vale la pena spendere qualche parola sull’”unione delle forze” con il tra Pro e Piacenza della quale si fa un gran parlare negli ultimi tempi. Fermo restando che una società dove confluiscono più capitali può avere indubbiamente un futuro più ambizioso, si è sicuri che si possa passare dalle dichiarazioni d’intenti ai fatti? Marco Gatti, presidente del Piacenza, nell’intervista di fine anno pubblicata sul quotidiano “La Cronaca” è stato piuttosto chiaro: «porta aperta a nuovi imprenditori piacentini, ma a patto che si confluisca in questa società». Tutto abbastanza cristallino, esattamente come nella passata stagione quando di questa famosa unione delle forze non se ne fece nulla. Ci sono molte variabili in gioco, su tutte le categorie nelle quali giocheranno Piacenza e Pro il prossimo anno. Già se una delle due dovesse trovarsi in Lega Pro e l’altra no, si porrebbe il problema di chi “spegne” la società per confluire nell’altra. Comunque, a patto che i due pianeti si allineino perfettamente in C o D che sia, la questione passerebbe su un piano puramente dirigenziale. Tante teste, tutti importanti per la nascita di un progetto rigoglioso, ma chi decide? La chiave di volta sarebbe quella di trovare o un socio “forte”, un capo-cordata, oppure una figura carismatica (nelle veci di Amministratore Delegato) alla quale delegare tutte le decisioni. Nodi abbastanza complicati da sciogliere, visto che si ha a che fare con imprenditori seri e innamorati dello sport, questo è evidente e va loro riconosciuto, ma anche contraddistinti da personalità marcate. Se deve essere, quindi, che unione delle forze sia, ma a patto che non per una cosa posticcia e destinata a deflagrare nel giro di pochi mesi.
Marcello Astorri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento