menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Lecco prima di una partita

Il Lecco prima di una partita

Serie D - Il Lecco si gioca tutto nella sfida del Garilli

La sfida di domenica del Garilli, tra Piacenza e Lecco, vale una fetta consistente di Lega Pro. Ha tanto da perdere il Lecco di Luciano De Paola, che se dovesse soccombere si ritroverebbe a -11 dalla vetta con le speranze di rimonta ridotte al...

La sfida di domenica del Garilli, tra Piacenza e Lecco, vale una fetta consistente di Lega Pro. Ha tanto da perdere il Lecco di Luciano De Paola, che se dovesse soccombere si ritroverebbe a -11 dalla vetta con le speranze di rimonta ridotte al lumicino. Non andrebbe poi così meglio se finisse in pareggio. Ha qualcosa da perdere anche il Piacenza, non tanto in termini di classifica, che in caso di sconfitta lo vedrebbe ancora saldamente al comando con 5 punti di vantaggio, ma a livello di convinzioni, di certezze granitiche che non sarebbero più tali. C’è quindi molto sulla bilancia di una sfida dai grandi stimoli, da giocare di fronte a oltre duemila spettatori.
La squadra di De Paola ci arriva carica a mille: tre vittorie consecutive, 23 punti conquistati in dieci partite dall’avvento in panchina del nuovo mister. Con il secondo miglior attacco (36 reti) e la seconda miglior difesa (16 reti subite), meglio del Lecco ha fatto solamente il Piacenza. Anche i numeri, quindi, parlano chiaro: si affronteranno le due migliori squadre del girone.
Pericolo pubblico numero uno per Silva e compagni sarà l’attaccante brasiliano Carlos França, attuale capocannoniere del campionato al pari di Adriano Marzeglia con 12 reti. Ma non finiscono qui le frecce all’arco di Luciano De Paola, che può disporre di un altro temibile attaccante come Fabio Cardinio, autore fin qui di 6 reti e autentica scheggia impazzita per le difese avversarie. Scorrendo i vari nomi della rosa, comunque tutti importanti, un altro elemento di spicco, stavolta difensore, è Alessio Bugno, figlio del celebre ciclista Gianni. E’ notizia delle ultime ore, l’ingaggio di un forte centrocampista italo-argentino, prelevato dal Bra, di nome Guido Sebastian Corteggiano, ex perno di mediana del Cuneo. Difficile però che il nuovo acquisto venga schierato subito tra i titolari da De Paola, che sembra orientato a confermare in blocco la formazione che ha battuto la Folgore Caratese. Al “Garilli”, i blucelesti verranno a giocare con un modulo 4-3-3 molto offensivo, con il quale imposteranno la partita su aggressività e pressing alto. Punti deboli? Sono in molti a dire che il problema principale dei lombardi sia la fase difensiva, anche se da quando è arrivato De Paola hanno incassato meno di un gol a partita, di cui quattro solo nella partita persa contro l’Inveruno, segno di come il lavoro del nuovo tecnico stia dando i frutti sperati. Si prevede dunque una gara tattica all’inizio, ma in grado di accendersi nella seconda parte, quando il Lecco dovrà fare qualcosa di più nel caso permanesse un risultato di parità oppure il Piacenza fosse avanti.

PROBABILE FORMAZIONE LECCO: Lazzarini; Meyergue, Pergreffi, Turati, Bugno; Di Gioia, Baldo, Vignali; Ronchi, França, Cardinio. In panchina: Perelli, Redaelli, Barzaghi, Fratus, Ramadan, Corteggiano. All. De Paola.


Marcello Astorri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento