menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sono stati 40 i tifosi biancorossi che hanno raggiunto Olbia in nave

Sono stati 40 i tifosi biancorossi che hanno raggiunto Olbia in nave

Serie C - Fuga di Natale. Un Piacenza cinico sbanca Olbia e si regala il titolo di campione d'Inverno

Una giocata in rovesciata di Bertoncini regala i tre punti ai biancorossi che passeranno il Natale da primi in classifica, Carrarese ko e Piacenza a +4 sulle inseguitrici

Nel dna delle grandi squadre c’è sempre la vittoria. Anche 1-0, magari sporca. Brutta. Ma sempre contraddistinta da una difesa di ferro, con la zampata sotto porta che prima o poi arriva. Il Piacenza lo ha saputo fare contro la Lucchese domenica scorsa, si è ripetuto a Olbia con un gol in rovesciata di un difensore, Davide Bertoncini. È stata una vittoria di maturità su un campo in condizioni precarie. Di certo l’Olbia di Carboni era alla portata di questo Piacenza. Ma vincere in serie non è mai scontato. Soprattutto se lo fai lasciando le briciole agli avversari. In Sardegna brilla la difesa. Ma anche il centrocampo non è da meno, con un Della Latta aspira-tutto, Marotta che è una lavatrice di palloni e un Corradi formato leader. Per non parlare delle due frecce sulle fasce, Di Molfetta e Sestu, autrici di un’altra prova intraprendente. Questi tre punti valgono la fuga di Natale: il Piacenza vola a +5 sulla Carrarese sconfitta a Cuneo e virtualmente, a -4, ha alle sue spalle la Pro Vercelli che con tutta probabilità incasserà la vittoria a tavolino contro il Pro Piacenza. Tutto questo in vista delle due partite del Garilli, tostissime, contro Siena e la stessa Pro Vercelli. Un banco di prova che il Piacenza affronta con la fama, meritata, del primo della classe. 

LA PARTITA. Franzini a Olbia deve fare a meno dello squalificato Nicco a centrocampo. In mezzo trovano posto Corradi, Marotta e Della Latta sull’intelaiatura del suo classico 4-3-3. In avanti, Romero preferito a Pesenti. Di fronte c’è l’Olbia, reduce dal capitombolo di Novara e vogliosa di riscattarsi. Tra i suoi uomini più temibili ha Ragatzu e Piredda. Entrambi molto tecnici e capaci di giocate risolutive. Nel settore ospiti, una buona rappresentanza di tifosi biancorossi che non ha rinunciato a seguire la squadra anche all’antivigilia di Natale. Per giunta in una trasferta non certo agevole. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento