Questo sito contribuisce all'audience di

Scommesse - Risarcimento Piacenza: rinvio al 9 luglio

Stamane, a mezzogiorno circa, si è svolta presso il Tribunale di Piacenza la prima udienza per il risarcimento danni chiesto dal Piacenza Calcio, nella persona del curatore fallimentare Franco Spezia, nei confronti di giocatori e dirigenti ex...

Gli avvocati questa mattina in Tribunale
Stamane, a mezzogiorno circa, si è svolta presso il Tribunale di Piacenza la prima udienza per il risarcimento danni chiesto dal Piacenza Calcio, nella persona del curatore fallimentare Franco Spezia, nei confronti di giocatori e dirigenti ex Piacenza coinvolti nella ben nota vicenda del calcio scommesse. La prima puntata è stata interlocutoria e si è conclusa con il rinvio dell’udienza al 9 luglio. Presenti al Tribunale il curatore fallimentare Franco Spezia e l’avvocato Daniele Pezza per il Piacenza, mentre per la controparte si registra solo la presenza degli avvocati difensori dei giocatori e dell’ex Direttore Sportivo De Falco. «Questa prima udienza sarà interlocutoria – ci ha spiegato Franco Spezia poco prima di entrare in Tribunale – il nostro obiettivo, con questo procedimento, è il riconoscimento di un risarcimento danni per il chiaro inadempimento contrattuale provato dall’illecito sportivo di cui sono accusati ex giocatori e dirigenti».

Appena conclusa l’udienza, durata in tutto mezz’ora, l’avvocato del Piacenza Daniele Pezza ha spiegato alla stampa la situazione. «L’udienza è stata rinviata perché è stato deciso di avviare un tentativo di accordo tra tutti – ha detto l’avvocato – oggi era la prima volta in cui si sono potute incontrare tutte le parti in causa, perché precedentemente avevamo avuto modo di confrontarci solo con Mario Cassano e la sua difesa. Questo è il punto di partenza per trovare un accordo che preveda l’ottenimento di un risarcimento per il danno patito dalla società Piacenza Calcio. Probabilmente la cifra non sarà nei termini prospettati – 7 milioni di euro, ndr – però confidiamo di ottenere comunque una cifra che si possa ritenere soddisfacente». Una causa che comunque potrebbe andare incontro ad alcune difficoltà prima di arrivare a sentenza. «Purtroppo questa causa è subordinata agli elementi che emergeranno dal procedimento penale pendente presso la Procura della Repubblica di Cremona e, in seconda battuta, dalle decisioni della giustizia sportiva. La situazione quindi è in continua evoluzione e potrebbero cambiare gli elementi sui quali si basa il nostro procedimento».
Marcello Astorri
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

  • Piacenza - Se ne va la "voce" che ci scaldava il cuore allo stadio, ci lascia il mitico Pio Bosini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento