menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andrea Nobile in azione (foto Del Papa per piacenzacalcio.it)

Andrea Nobile in azione (foto Del Papa per piacenzacalcio.it)

Il Piacenza spara a salve a Pontedera (1-1) e ora il Como fa paura

Biancorossi in vantaggio con Dossena, nella ripresa però c'è il crollo e il pareggio dei toscani con Kabashi. Emiliani agganciati in sesta posizione dal Como, la squadra di Franzini però è in vantaggio con gli scontri diretti e sabato affronta il Prato

DAL NOSTRO INVIATO A PONTEDERA - Alla fine ha vinto la paura di perdere di entrambe le squadre. Il Piacenza è partito forte nel primo tempo ed è riuscito a trovare il vantaggio con il gol di Dossena, poi nella ripresa ha subito il ritorno dei padroni di casa che dopo 9 minuti hanno trovato il pari con un’iniziativa personale di Kabashi. Il Pontedera ha reclamato un calcio di rigore per un presunto contatto Santini-Lanzano, ma l’arbitro Zufferli di Udine, appostato lì a due passi, ha lasciato correre. Uno spavento per i biancorossi, i quali da questo punto hanno badato più che altro a non prenderle. Il finale è stato un lungo torello, con le due formazioni che si sono accontentate: il Pontedera con questo punto è salvo, mentre il Piacenza dovrà giocarsi il sesto posto sabato prossimo al Garilli contro il Prato. Il Como, infatti, ha battuto il Renate in trasferta (0-2) e agganciato a quota 58 la squadra di Arnaldo Franzini. Il Piacenza, tuttavia, è padrone del proprio destino: se batte i toscani, a prescindere dal risultato dei comaschi - impegnati in casa contro la Viterbese - conserverà in ogni caso la sesta piazza in virtù dal bilancio favorevole negli scontri diretti. Attenzione, però, perché non è l’unica combinazione possibile: la Giana Erminio (60) ha perso contro il Prato e affronterà una Lucchese in salute, per cui le due lombarde e gli emiliani, in base ai risultati dell’ultima giornata, potrebbero finire al quinto, sesto o settimo posto. Insomma, un ultimo turno tutto da vivere nel quale si giocheranno solo partite vere.  

CEROTTI - Franzini doveva fare i conti con le squalifiche di Taugourdeau e Pergreffi, oltre agli infortuni di Saber e Di Cecco. Il tecnico di Vernasca ha optato per il turnover in porta: fuori Miori, spazio all’esordio di Lanzano. Spazio al 3-5-2, trio difensivo Abbate, Silva, Sciacca, con Franchi esterno di centrocampo a destra, Matteassi interno, La Vigna centrale e poi Cazzamalli a fianco di Dossena tutto a sinistra. In avanti coppia Romero-Nobile. Si dispone a specchio Indiani. Osservati speciali Santini e Della Latta, i giocatori di maggior talento tra i toscani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento