Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Viali: «Poco cinici». Pagelle e Video

DAL NOSTRO INVIATO A OLGINATE (LECCO) - E’ un punto robusto, ottenuto sul campo di una squadra molto in palla come l’Olginatese, ma è comunque dal retrogusto amaro per le occasioni dell’1-2 dilapidate. Viali, a fine gara, lo...

Piacenza - Viali: «Poco cinici». Pagelle e Video - 1


DAL NOSTRO INVIATO A OLGINATE (LECCO) - E’ un punto robusto, ottenuto sul campo di una squadra molto in palla come l’Olginatese, ma è comunque dal retrogusto amaro per le occasioni dell’1-2 dilapidate. Viali, a fine gara, lo sottolinea, ma è comunque molto soddisfatto della prestazione della sua squadra. Bicchiere mezzo pieno quindi per il tecnico biancorosso che affronterà la sfida di giovedì prossimo, a Sesto San Giovanni con la Pro Sesto, con «buone sensazioni», dice lui.

VIALI - «La squadra dei primi minuti mi era piaciuta – afferma Viali analizzando la partita – poi però ci sono capitate un paio di occasioni da calcio piazzato dove siamo stati poco svegli e, da lì, abbiamo perso sicurezza fino al loro gol. Al che, ho preferito passare al 3-5-2, mettendo Fox a giocare dietro le punte sul loro playmaker e le cose si sono raddrizzate, infatti abbiamo pareggiato quasi subito e ci siamo rimessi in partita». Tutto sommato, pareggiare contro una squadra così in forma non è poi un risultato negativo. «Sapevamo di affrontare una squadra molto in forma e che è, nel girone di ritorno, quella che ha fatto più punti. Quindi, in definitiva, credo che la mia squadra abbia giocato una buona gara contro un buon avversario. Fermo restando che un po’ di cinismo in più è quello che ci manca per fare il salto di qualità». Le altre intanto rallentano, perdendo clamorosamente dopo aver fatto prestazioni clamorose proprio contro il Piacenza come, ad esempio, l’Inveruno oggi sconfitto 2-0 dall’Aurora Seriate. Alla luce di questo, cosa si aspetta il Piacenza da questo pazzo campionato? «Dopo il percorso che abbiamo fatto finora – ha detto William Viali – l’unica cosa che dobbiamo fare è cercare di fare più punti possibile e non pensare troppo. Ultimamente, partita steccata con l’Inveruno a parte, abbiamo trovato una buona quadratura. Questo mi fa essere ottimista per la gara di giovedì, quando affronteremo una squadra insidiosa che ha solo tre punti in meno di noi».
Dal nostro inviato a Olginate
Marcello Astorri


LE PAGELLE DI MARCELLO ASTORRI

Ferrari 7 – Monumentale in più circostanze, anche in occasione del gol subito quando, prima di essere battuto, compie un miracolo. Si ripete poi su Barzotti e nella ripresa ancora su Cristofoli: tra i pali è un drago.

Milani 6 – Parte così così, cresce alla distanza e alla fine arriva a guadagnarsi la pagnotta con determinazione. Pochino in fase di spinta, non male però in copertura.

Sanashvili 6,5 – Piace sempre di più questo ragazzo. Per tre quarti di stagione oggetto misterioso, è stato bravo a farsi trovare pronto. Bene nel particulare del suo ruolo, si prende anche lo sfizio di puntare il fondo e mettere in mezzo un paio di palloni interessanti.

Tacchinardi 6,5 – Bello e di qualità è il suggerimento che mette in porta Amodeo per il gol del pareggio, di sostanza è invece il suo contributo in mediana. Dal 39’ st Orlandini s.v. Entra per pochi minuti e va vicino al gol di testa, però è troppo poco per esprimere un giudizio.

Tognassi 6 – Cristofoli è davvero un brutto cliente ma, alla fine dei conti, non segna. Lui va in apnea solo in apertura, quando gli attacchi dei padroni di casa erano più intensi, perché non al top della condizione. Poi riesce a rappezzare bene la cosa con un pizzico di mestiere.

Emiliano 6,5 – Grintoso, reattivo e puntuale nelle chiusure. Quando deve impostare non è certo un Pinturucchio e sbaglia appoggi elementari, ma in fin dei conti non è questo quello che si richiede a un centrale di difesa.

Volpe 6 – Volpe è un po’ meno Volpe del solito a Olginate. E’ sempre insidioso quando si accende con le sue folate, ma quest’oggi, abnegazione a parte, riesce a portare a casa pochino di concreto.

Pignat 6 – Finché rimane in campo è bello tosto lì in mezzo. Rastrella qualche pallone e da il la alle ripartenze disciplinatamente. Forse ci piacerebbe un pizzico d’intraprendenza in più, visto che può permetterselo. Dal 6’ st Colombo 5,5 – Gran corridore ma un po’ troppo impreciso. Perde un bruttissimo pallone al limite dell’area che per poco non costa caro.

Marrazzo 5,5 – Una bella iniziativa all’inizio del secondo tempo che avrebbe meritato il gol. Per il resto, poco altro.

Bovi 6 – Bravo geometra del cerchio di centrocampo. Maluccio invece su corner e piazzati, sui quali invece è poco ispirato.

Amodeo 6 – E’ gelido quando trasforma in gol l’assist con il contagiri di Tacchinardi, poi però sciupa nella ripresa la palla per l’1-2. Nel complesso è comunque positivo. Dal 37’ st De Vecchis s.v.

All. Viali 6 – Il Piacenza, ancora una volta, non è bello da vedere però è compatto e non si è sgretolato, come soleva fare, nel momento di maggiore difficoltà contro un’Olginatese in palla. Con un pizzico di cinismo in più, forse, avrebbe portato a casa tre punti che non sarebbero stati rubati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento