menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza - Stefano Gatti furibondo: «Quella di questa sera è una truffa». VIDEO e FOTO

Proteste pesantissime per i due rigori non concessi dall'arbitro. Il numero uno del club: «Sul primo il tocco di mano è netto, il secondo poi è clamoroso ma questo è l'arbitro di Entella-Carrarese»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Tribuna perde le staffe al fischio finale. All’indirizzo del direttore di gara, Amabile della sezione di Vicenza, piovono gli insulti degli spettatori inviperiti per i due episodi non sanzionati: il tocco di mano di Garufo sull’azione di Di Molfetta e la plateale entrata di Taugourdeau in piena area su Silva. L’arbitro fa correre. A non far correre è il presidente Stefano Gatti in sala stampa: «Tornerò nella pallavolo - dice - almeno lì non vedo queste cose». Il numero uno del club si riferisce ai due rigori non sanzionati. «Quella di stasera è truffa vera e propria, d’altronde questo arbitro è lo stesso di Entella-Carrarese: quel giorno ha assegnato un gol in fuorigioco chiarissimo all’88’ all’Entella, oggi ha fatto quello che tutto lo stadio ha visto. Erano due rigori sacrosanti, almeno uno andava dato. E’ evidente che c’è qualcosa che non funziona verso di noi da parte dell’intero sistema a partire dalla Figc. Non mi sono mai lamentato per le direzioni di gara ma questa sera abbiamo assistito a uno scandalo».

ape 1-2

ape 2-2

ape 3-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento