Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Squadra spenta e demotivata, servono nuove idee. La crisi dei biancorossi in tre punti

Al Cabassi di Carpi per la prima volta i tifosi sono usciti dal settore ospiti con 20 minuti di anticipo. Il 3-5-2 ha fatto il suo tempo, vanno risolte le questioni post mercato di Pergreffi e Paponi. La corsa playoff è aperta ma serve un cambio di passo

Mazda cx30 nuova-2La brutta sconfitta di Carpi azzera i timidi passi avanti fatti dal Piacenza rispedendolo direttamente in quella che non è ancora una crisi di risultati - avanti di questo passo lo diventerà presto - ma è piuttosto una crisi di identità. Perdere a Carpi è quasi una tassa in questo campionato, bastano due numeri: è la squadra che ha vinto il maggior numero di gare interne (10) segnando più reti (30), ha perso solo una volta (col Modena) e ha asfaltato parecchi avversari in più, a tutto questo, c’è da aggiungere che il Piacenza da trasferta va a singhiozzo (fin qui solo 4 successi lontano dal Garilli). Il problema però è un altro: sotto i riflettori c’è il “come” è arrivata la sconfitta e non tanto la sua portata.
Il Piacenza che si è ritrovato dopo la sosta è una squadra stanca, priva di idee, a tratti sembra demotivata, in confusione e timorosa. In una parola sola: è spento.

DARE UN SENSO ALLA STAGIONE
Tuttavia non dovrebbe essercene motivo perché archiviata la corsa ai primi tre-quattro posti, che non sono più alla portata dei biancorossi, il resto è tutto in divenire e gli altri non stanno meglio. Nella zona bassa dei playoff la Triestina zoppica, il Modena ha perso a Rimini e la Samb in casa col Ravenna, poi c’è il Piacenza (settimo), davanti ci sono una Feralpi che viene inchiodata dal Gubbio e un Padova che perde in casa con la Fermana. Il quinto posto ad esempio dista 3 punti e sarebbe importante agganciarlo perché in chiave playoff significa giocare i primi due turni secchi in casa con due risultati su tre a disposizione. Dietro non corrono, come visto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MA…
A patto però che il Piacenza si ritrovi. Domenica i tifosi presenti al Cabassi sono usciti con 20 minuti di anticipo, segnale inequivocabile di come siamo arrivati ai minimi termini con l’ambiente. Raramente - molto raramente - è accaduta una cosa del genere e le colpe vanno spartite su tutti gli interpreti del campo, nessuno escluso. Sono tre i punti su cui Franzini deve lavorare a partire dall’aspetto tattico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza-Grosseto 0-2: al Garilli decidono i gol di Moscati e Gallicani

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone, CastellanaFontana e Vigolzone ok

  • Prato-Fiorenzuola: 1-0, decide una rete di Ortolini in avvio di gara

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento