Domenica, 17 Ottobre 2021
Piacenza Calcio

Piacenza - Sotto a chi tocca: c'è l'Imolese. Franzini: «Né timori né preferenze, pensiamo solo a noi stessi»

I biancorossi conoscono il cammino verso la B. Doppia sfida con l'Imolese di mister Dionisi il 29 maggio e il 2 giugno. Se si passa il turno in Finale ci sarà la vincente di Catania-Trapani. Qui andata al Garilli l'8 giugno e ritorno in Sicilia il 15.

Era attesa per oggi la griglia dei Quarti di Finale (Imolese-Piacenza, Catania-Trapani, Feralpi-Triestina e Arezzo-Pisa), oltre a questi si sono sorteggiati già gli accoppiamenti delle Final Four (vincenti di Imolese-Piacenza/Catania-Trapani da una parte e vincenti di Feralpi-Triestina/Arezzo-Pisa dall’altra). E non è finita qui perché alla spicciolata si è saputo che, per le eventuali finali, sono già state stabilite le partite interne e in trasferta.
Arriviamo subito al dunque: il Piacenza se passa il doppio turno con l’Imolese troverà la vincente di Catania-Trapani ed è già sicuro di giocare al Garilli la gara di andata sabato 8 giugno (ore 18) e quella di ritorno in Sicilia domenica 15 giugno (ore 20.30) indipendentemente che a passare il turno sia il Catania o il Trapani, il fattore “teste di serie” non esiste più in finale. In casa biancorossa, però, sono tutti giustamente concentrati alla sfida contro l’Imolese: andata a Imola mercoledì 29 maggio (ore 20.30) e ritorno al Garilli domenica 2 giugno (ore 20.30).

«Se iniziamo a guardare oltre alla partita contro l’Imolese siamo già fuori dai giochi - commenta Franzini, che fa subito un passo indietro - pensiamo solo alla gara di mercoledì, un mattone alla volta». Alla fine non c’erano squadra da evitare, chi arriva ai Quarti di finale è perché ha mezzi e meriti? «Esattamente. Sinceramente per me erano tutte uguali fino alle 11 di questa mattina - prosegue il tecnico - dopodiché la testa è andata subito all’Imolese, alla sfida di mercoledì prossimo in casa loro. Non avevo preferenze come non ho timori, sono concentrato solamente sui miei ragazzi perché la verità è che ogni avversario ha le sue qualità. L’Imolese è senza ombra di dubbio la formazione rivelazione della Serie C, ha fatto un campionato straordinario e la sua forza è appunto il fatto di poter giocare in totale libertà, con naturalezza senza alcuna pressione. L’eventuale Finale Four contro una tra Catania e Trapani? Non ci penso nemmeno, se guardiamo lì usciamo subito dai giochi. Facciamo un passo alla volta».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza - Sotto a chi tocca: c'è l'Imolese. Franzini: «Né timori né preferenze, pensiamo solo a noi stessi»

SportPiacenza è in caricamento