rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Piacenza Calcio

Piacenza: slitta ancora la decisione sul tecnico

Nel bergamasco, già nello scorso week end, lo davano per fatto: Luciano De Paola nuovo tecnico del Piacenza. I giorni però sono passati e l'ufficialità non è ancora arrivata. Cosa c'è sotto? Da via Gorra tutto tace, nelle ultime ore però pare che...

Nel bergamasco, già nello scorso week end, lo davano per fatto: Luciano De Paola nuovo tecnico del Piacenza. I giorni però sono passati e l'ufficialità non è ancora arrivata. Cosa c'è sotto? Da via Gorra tutto tace, nelle ultime ore però pare che la candidatura del mister ex Primavera del Brescia sia stata messa in stand-by. Di De Paola piacciono il carattere sanguigno, giudicato adatto ad una piazza calda, e la sua grande conoscenza di giocatori e campionato. Per contro, la fresca retrocessione maturata nella sua ultima esperienza ad Alzano e un palmares non proprio esaltante hanno destato qualche perplessità, soprattutto tra i tifosi. Incassato il no di Franzini e messo momentaneamente il nome di De Paola in ghiaccio (ma rimane il più probabile), il ds Bottazzi si sta guardando intorno per battere tutte le piste. Da qui la spiegazione della fumata bianca che tarda a fare capolino dal comignolo del Garilli. In ogni caso, comunque, a giorni si conoscerà ufficialmente il nome del successore di William Viali.

MAZZO - Il mazzo di carte torna a essere corposo e lo stesso Bottazzi non lo nasconde. «Stiamo andando un po' più in là con la decisone perché ci sono un paio di situazioni da valutare bene. E' vero che abbiamo altri due allenatori su cui stiamo lavorando oltre a quelli scritti che sono peraltro giusti, ma i nomi al momento non posso farli». In pole position rimane Luciano De Paola ma risalgono (di poco) le quotazioni di Lorenzo Ciulli, quest'anno allenatore del Castiglione Sterilgarda. Il tecnico romano, che nella stagione 95'/96' allenò nelle giovanili biancorosse, ha nel suo curriculum tanta serie C e anche un ottimo secondo posto in Seconda Divisione alla guida del Carpenedolo nel 2008. Con la sua ultima squadra, dove militava insieme al ds Bottazzi, è reduce da due stagioni: una prima molto positiva e conclusasi con un eccellente settimo posto, l'ultima negativa e culminata con il 16esimo piazzamento con conseguente retrocessione in serie D per la società mantovana. Insieme a loro anche i due nomi tenuti «top secret» come dichiarato dallo stesso Bottazzi.

PARLATO OUTSIDER - Tra gli allenatori per i quali si sarebbe fatto un sondaggio c'è anche Carmine Parlato, un nome che va per la maggiore e fresco di promozione in Lega Pro sulla panchina del Pordenone. La sua sarebbe una candidatura assolutamente suggestiva per la piazza, soprattutto perché reduce da un'annata super (col Pordenone ha vinto campionato e scudetto di Serie D) e perché ritenuto capace di far esprimere alle sue squadre un calcio vincente ed efficace.

SUGGESTIONI - Sembrano essere state definitivamente accantonate le candidature di Maurizio Braghin e Francesco Monaco, tecnici stimati, ma non corrispondenti all'identikit di perfetti conoscitori della dura realtà del campionato di serie D (allenano da anni in categorie superiori). Tramontato anche Sassarini (ha rinnovato con il Seregno), sembra piuttosto remota l'ipotesi dell'insediamento del piacentinissimo, Massimo Mazza, sulla panca del Garilli. Infine, è da segnalare anche il nome dell'ex allenatore della Pergolettese e calciatore della Juventus, Alessio Tacchinardi, attualmente senza squadra. Per lui non c'è stato alcun contatto, ma sarebbe sicuramente un nome capace di dare molto entusiasmo all'ambiente.
Marcello Astorri

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza: slitta ancora la decisione sul tecnico

SportPiacenza è in caricamento