menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Guareschi e Daniele Moretti sul palco durante la presentazione

Francesco Guareschi e Daniele Moretti sul palco durante la presentazione

Piacenza - Settore giovanile record con oltre 300 ragazzi. Guareschi e Moretti: «Buone prospettive». FOTO

Alla Festa Biancorossa è stato presentato il vivaio del club che nella stagione 2018/2019 ha toccato il suo record. «L'obiettivo è tenere qui i ragazzi del territorio e farli crescere in ottica prima squadra». Tutte le foto della serata

La Festa Biancorossa è stata anche l’occasione per presentare la stagione 2018/2019 del Settore Giovanile del Piacenza diretto da una coppia davvero affiatata e che promette bene per il futuro: il direttore Francesco Guareschi e il responsabile tecnico Daniele Moretti.
Partiamo innanzitutto dai numeri, che sono record. I giovani sono circa 300 suddivisi in: Scuola Calcio annate 2011, 2012 e 2013, Squadra Femminile Under 12, due formazioni Pulcini 2009 e 2010, due formazioni Esordienti 2007 e 2008, Under 13, Under 14, Under 15, Under 17 e infine la formazione Berretti. Per la Scuola Calcio le iscrizioni sono ancora aperte per i bambini dai 5 anni in su (per info scrivere a settore.giovanile@piacenzacalcio.it o telefonare allo 0523572454).

La novità è che il campo Bertocchi sarà utilizzato esclusivamente per gli allenamenti, da quest’anno le partite interne della Berretti e dell’Under 13 saranno disputate al campo della Spes, mentre le Under 17, 15 e 14 giocheranno a Podenzano.
«L’obiettivo chiaramente è quello di migliorarsi - spiega Guareschi -, ripartiamo da tanto entusiasmo e felici del fatto che in Prima Squadra ci siano stabilmente giocatori aggregati per gli allenamenti. Bene l’arrivo di Daniele Moretti che ha portato entusiasmo, insieme a lui abbiamo rinforzato le squadre grazie anche alla base costruita in questi anni in cui abbiamo cercato di portare avanti giocatori del territorio. Questa per noi è la stagione con i numeri più alti - prosegue - tocchiamo i 300 ragazzi e abbiamo unito selezione e qualità, cresciamo anche nel valore tecnico. Piacenza, Lodi e Pavia sono un bel bacino, cerchiamo di tutelare i nostri ragazzi ma peschiamo anche da fuori, come a Lodi o a Parma, chiaramente la concorrenza dei club di Serie A o B è forte ma non ci lamentiamo. Moretti? Ha portato tanta positività con la sua storia, il suo valore tecnico è indiscusso sia come giocatore sia come dirigente. Ci completiamo bene perché io seguo l’area sportiva e lui è più concentrato sul campo».

«Questi primi due mesi sono stati molto positivi - ha detto Daniele Moretti - conoscevo poco allenatori e staff e ho visto che lavorano bene, con dedizione, serietà e voglia, io sono qui per aiutarli a far crescere i ragazzi sul campo e ci sono buone prospettive. L’obiettivo? Dico da sempre che bisogna andare oltre al risultato, il settore giovanile deve puntare prima di tutto alla crescita umana e tecnica dei ragazzi, il nostro scopo alla fine è tirare fuori giocatori per la prima squadra: è sempre stato il mio motto. Le altre provincie? E’ difficile competere con club che hanno a disposizione la Serie A o la Serie B e che fanno campionati diversi, tuttavia il Piacenza è una piazza importante e dobbiamo essere bravi prima di tutto a non perdere i ragazzi del nostro territorio, evitare di farli andare a Parma o a Cremona, ma tenerceli stretti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento