menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Trongone

Foto Trongone

Piacenza - Scazzola: «Contro la Carrarese servirà la partita perfetta». Cesarini out, si ferma De Respinis

Il tecnico: «La vittoria di Livorno ci ha permesso di lavorare con maggior serenità, domenica abbiamo la terza partita in una settimana e dobbiamo dare continuità ai risultati». Si gioca alle 17.30. Davanti tridente con Galazzi, Gonzi e Maio

Obiettivo continuità. Il Piacenza si presenta domenica al Garilli contro la Carrarese (ore 17.30) che una buona dose di fiducia in corpo dopo il successo di Livorno e l’ideale sarebbe bissare i tre punti contro la squadra di Baldini, per fare un ulteriore balzo in classifica e rimanere a ridosso della zona salvezza diretta.
La stato fisico però non è dei migliori, con Cesarini ancora out - problemi muscolari - la questione si è complicata nelle ultime ore perché un sospetto stiramento ha fermato anche De Respinis e quindi Scazzola dovrà reinventarsi il reparto offensivo. E’ possibile l’impiego, come a Livorno, di Galazzi qualche metro più avanti insieme a Gonzi con Maio che diventerebbe, a questo punto, l’unico terminale offensivo nel 3-4-2-1. Per il resto il tecnico non si discosterà molto da quanto visto nell’ultimo match, Simonetti e Visconti saranno i due esterni, a Suljic il compito di costruire e a Corbari quello di arginare e sostenere la manovra. Dietro ci saranno Martimbianco, Battistini e Marchi a proteggere Libertazzi.

SCAZZOLA
«Sicuramente la vittoria di mercoledì ci ha aiutato a lavorare con un morale diverso - ha detto il tecnico alla vigilia - più che altro abbiamo fatto scarico perché davanti c’è la terza partita nel giro di una settimana. A Livorno siamo stati intensi e concentrati, questo è quello che chiedevo e voglio vedere anche con la Carrarese, poi arriverà la settimana “tipo” che ci permetterà di iniziare un lavoro diverso. Sono molto contento anche dell’inserimento dei nuovi, aiutati dal fatto che questo Piacenza è formato da un gruppo magari giovane ma buono e sano, quindi per chi arriva è più facile ambientarsi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento