Domenica, 17 Ottobre 2021
Piacenza Calcio

Piacenza salvo in meno di tre mesi, il capolavoro di Cristiano Scazzola: «Ragazzi davvero fantastici»

Il tecnico: «Peccato non poterci giocare l'accesso ai playoff ma, per come eravamo messi, questa salvezza è davvero "tanta roba"». Cesarini: «Soddisfazione pazzesca, questa squadra è un gruppo spettacolare». Lamesta: «Felice di aver dato il mio contributo»

E’ raggiante Cristiano Scazzola, il vero autore di quello che lui stesso ha definito “miracolo meritato”. Il Piacenza di fine gennaio era sotto a un tram, lui l’ha preso in mano e con alcuni accorgimenti, tra cui il mercato, ha portato alla svolta salvando i biancorossi, di fatto, in meno di un girone.
«Il merito è dei ragazzi, bravissimi con questa prestazione a portare a termine l’obiettivo primario, cioè quello della salvezza. Risultato che dedichiamo ai nostri tifosi, che sicuramente hanno sofferto la lontananza. Probabilmente per quello che è la piazza di Piacenza festeggiare una salvezza forse è un po’ riduttivo, tuttavia per quello che era il progetto iniziale e per come si era messa la stagione a fine gennaio direi che è un bel traguardo. Sono molto contento in particolare di questa vittoria perché abbiamo battuto almeno una volta tutte le prime della classe e soprattutto abbiamo vinto in trasferta, aspetto mai facile o scontato. Saremmo stati salvi a prescindere perché le avversarie hanno perso, però mi è piaciuta la mentalità della squadra che ha sempre giocato per i tre punti fino al triplice fischio. Adesso c’è ancora una partita, vogliamo fare bene, peccato non poterci giocare i playoff ma siamo ugualmente contenti. Siamo venuti a Vercelli con l’unico obiettivo di vincere e l’abbiamo fatto, bravi i ragazzi. Chiudiamo senza rimorsi, ripeto, peccato non poterci giocare l’occasione dei playoff ma questo risultato rimane tanta roba».

Alex Cesarini, il suo gol ha spianato la strada del Piacenza verso il traguardo. «Soddisfazione pazzesca, chiaramente la voglio condividere con questo gruppo spettacolare e con la mia famiglia. Da quando sono arrivato, ed eravamo veramente in acque non buone a soli 2 punti dall’ultimo posto, abbiamo tirato fuori tutto quello che avevamo vincendo delle battaglie epiche su campi difficilissimi e contro avversari tosi. Non dimentichiamoci che abbiamo fatto 6 punti con le prime due della classe. Quando il mister Scazzola e il dg Scianò mi hanno chiamato era proprio questo che volevano da me, esperienza, giocate, leadership in un gruppo sano e gol. Sono contento, mi sono calato subito nella realtà e penso di aver dato una mano sia in campo sia fuori».

Gioia anche per Davide Lamesta: «Sono felice per la salvezza raggiunta e per il mio terzo gol in campionato, dobbiamo proseguire su questa strada anche nell’ultima gara contro la Juventus U23. Non vale i playoff certo, però dobbiamo giocarci bene anche l’ultima gara»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza salvo in meno di tre mesi, il capolavoro di Cristiano Scazzola: «Ragazzi davvero fantastici»

SportPiacenza è in caricamento