rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Piacenza Calcio

Piacenza - Rossini: «Strada lunga e il Caravaggio è un brutto cliente». Per i biancorossi è ancora emergenza

A complicare le cose c'è il turno infrasettimanale di mercoledì (con la Tritium) e poi il big match del 4 febbraio col Desenzano. Rossini: «Umore molto alto, ma la situazione fisica va gestita in questo momento». Per Iob, Artioli e Bassanini sarà decisiva la rifinitura

San Rocco Trasporti Banner

Il Piacenza è atteso da un turno sulla carta favorevole, con la sfida interna al Garilli (ore 14.30) di domenica contro un Caravaggio che si è affacciato nella zona media della classifica (è decimo con 8 punti nelle ultime 5 gare) e con la possibilità di giocare conoscendo già il risultato delle due principali avversarie: il Caldiero e la Varesina anticipano il turno al sabato (mercoledì si torna in campo), entrambe in casa rispettivamente contro Desenzano e Casatese, due clienti non facili. (Leggi qui i risultati).
Ci sono tuttavia molti dubbi in casa Piacenza, legati non tanto all’umore della truppa, che è ai massimi dopo il successo rotondo con la Casatese (serie utile a 12 risultati con 8 vittorie e 4 pareggi), piuttosto alla situazione generale della rosa che limita notevolmente le scelte di mister Rossini.
Andreoli e Gerbaudo non recuperano, Moro sconta l’ultima giornata di squalifica e questo in fondo era già assodato. Cauto ottimismo, invece, sui recuperi di Corradi e Tourè (anche perché in alternativa sarebbero finiti i centrocampisti di ruolo) che venerdì si sono allenati per la prima volta in settimana, la quale ha portato altre tre noie di formazione: Iob, Artioli e Bassanini rischiano di non essere della partita, qui sarà decisiva la rifinitura. Nulla di preoccupante, ma la situazione fisica va gestita molto attentamente perché si rientra nella settimana delle tre partite: Caravaggio, mercoledì 31 trasferta contro la Tritium e il 4 febbraio big match in casa col Desenzano, poi si potrà tirare il fiato (si ritornerà in campo il 18 febbraio) e fare il punto della situazione.

Alla vigilia del match si parte proprio dalla situazione complessiva della rosa. «I risultati che stiamo ottenendo sono il frutto del lavoro che stanno facendo i ragazzi, le preoccupazioni invece sono legate alle possibili assenze. Chi ha giocato finora ha fatto benissimo, però più giocatori ti mancano e meno scelte puoi fare, inoltre alcuni come Bassanini necessitano di un po’ di riposo per risolvere qualche noia muscolare che rischia di aggravarsi. Corradi e Tourè alla fine ci saranno, maggiori dubbi ci sono sulle situazioni di Artioli, Iob e Bassanini. Sinceramente deciderò all’ultimo».
Piacenza che in settimana ha salutato anche l’under Santella, tornato alla Spal e andato al Treviso. Forse si poteva aspettare vista la situazione? «Santella è voluto andare via lui e ne abbiamo preso atto, non posso tenere un giocatore che non vuole più restare. Lasciatemi aggiungere anche una cosa: non mi riferisco a Santella ma ai giovani in generale. Dovete avere più pazienza, lavorare, lavorare, lavorare e avere la pazienza di aspettare in silenzio, cercando di crescere, perché il momento giusto arriva per tutti. Il mio solo un consiglio».

E si va quindi sulla partita di domenica col Caravaggio. «Arriviamo da una bellissima prestazione domenica con la Casatese, ma vuol dire poco perché la strada è lunghissima e noi siamo ancora dietro di 4 punti. Lo dico tutti i giorni ai ragazzi, è il momento di spingere forte e più lavoriamo più miglioriamo: guardate la crescita di Tourè ora che sta trovando continuità nel giocare. Dopodiché domenica arriva un cliente scorbutico, classica squadra giovane che crea e segna tanto ma allo stesso tempo ti concede degli spazi».

Formazione quindi rebus: se Bassanini non dovesse farcela allora è pronto Ndoye a sinistra e Zini a destra, mentre dietro a Iob scalpita Napoletano che ha già dato delle garanzie. Il problema è capire se recupera o meno Artioli a sinistra, dove potrebbe essere adattato uno tra Del Dotto o Baudouin.

Probabile formazione Piacenza (4-4-2) - Maianti; Napoletano, Silva, Somma, Del Dotto; Zini, Corradi, Tourè, Ndoye; D’Agostino, Recino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza - Rossini: «Strada lunga e il Caravaggio è un brutto cliente». Per i biancorossi è ancora emergenza

SportPiacenza è in caricamento