rotate-mobile
Piacenza Calcio

Piacenza - Rossini: «Le nostre motivazioni sono fortissime e a ogni domenica può esserci una sorpresa»

A tre giornate dalla fine delicatissima trasferta in casa della Castellanzese per i biancorossi che sono a -1 dalla vetta: davanti ci sono quattro squadre racchiuse in tre punti. Dopo Andreoli il tecnico perde anche Corradi e Iob, Marquez squalificato. Da Piacenza arriveranno oltre 300 tifosi

Piacenza City Camp

Duecentosettanta minuti al termine del campionato di Serie D. Il Piacenza è arrivato sul rettilineo finale e inizia domenica in casa di una Castellanzese in piena lotta playout la volata per la Serie C. Biancorossi che ci arrivano con un ritardo di un punto rispetto alla capolista Caldiero, distacco che alla fine potrebbe pesare e non poco visto che il Piace era primo fino alla scorsa settimana ma, più in generale, sarà una volata da brividi perché oltre a Caldiero (68) e Piacenza (67), nel lotto dei velocisti ci sono Palazzolo (66) e Desenzano (65).
Quattro squadre racchiuse in tre punti, tutte con un calendario piuttosto abbordabile e soprattutto senza scontri diretti. Difficile fare previsioni e conti, se non che il Piacenza è chiamato a fare nove punti contro Castellanzese, Real Calepina e Varesina, sperando che il Caldiero non faccia altrettanto. Dal campo le nuove tegole riguardano Iob e Corradi, per entrambi la stagione è finita e vanno ad aggiungersi ad Andreoli. Piacenza che sarà accompagnato da un bel numero di tifosi: a giovedì i tagliandi staccati per il settore ospiti erano più di 200, in totale ci saranno oltre 300 cuori biancorossi a sostenere la squadra.

Leggi qui la classifica di Serie D Girone B

«E’ banale dirlo - spiega Rossini alla vigilia del match - ma in queste ultime tre gare dobbiamo pensare solo a una partita alla volta per vincerle tutte, perché le sorprese in questo campionato sono dietro l’angolo e non ti regala niente nessuno, penso che questo si sia capito. Perciò ci crediamo fermamente, è vero che siamo dietro di un punto, ma la vetta è ingolfata con quattro squadre racchiuse in tre punti e la pressione per vincere ora c’è per tutti. Chiaramente per noi è un po’ diverso, perché siamo obbligati ad arrivare primi e questo è un altro aspetto si cui ho lavorato in settimana con i ragazzi: non facciamoci travolgere dalla pressione e dall’ansia perché può essere controproducente. La nostra forza la conosciamo come il percorso fatto fin qui».Rossini che su questo punto torna alla gara di domenica contro la Clivense.
«Non sono d’accordo quando sento dire o leggo che abbiamo finita la benzina o che paghiamo una scarsa condizione atletica in questo momento. E’ il contrario, la squadra sta bene. Una squadra “scoppiata” domenica non teneva il pallone per tre quarti di partita provandoci fino all’ultimo, giocatori senza benzina non rimangono in gara come abbiamo fatto noi. Diciamo che la Clivense si è difesa molto bene, ha scelto di fare un tipo di partita abbottonata senza lasciare spazi, e noi siamo stati poco lucidi nelle quattro occasioni che ci sono state concesse. Ecco, questo sì, serve maggior lucidità nei pochissimi spazi che ci lasciano e anche più coraggio nelle giocate singole, a tre giornate dalla fine le partite si decidono anche forzando alcune giocate e gli spazi si trovano ingaggiando più duelli singoli uno contro uno. In questo aspetto è basilare l’atteggiamento dei giocatori più esperti che, lasciami dire, è stato eccellente quest’anno».

Leggi qui il programma della 36a giornata

Piacenza che arriva al rush finale con altri problemi di formazione visto che Corradi e Iob hanno chiuso qui la stagione. «Ci siamo un po’ abituati e abbiamo visto di peggio, tuttavia lasciar giù due giocatori così è pesante. Non ci piangiamo addosso però, le soluzioni ci sono. Bassanini non è al meglio, si vede che ha patito il primo infortunio di un certo tipo, vi ricordo che si parlava di stagione finita anche per lui mentre ora è in campo, ovviamente non è al massimo della condizione. Chiudo però ripetendo quello che dico da un mese: in questo preciso momento della stagione contano più che altro le motivazioni e le nostre sono fortissime». Oltre agli infortunati Corradi, Iob e Andreoli, sarà assente anche Marquez che sconta l’ultima giornata di squalifica.

Probabile formazione Piacenza (4-4-2) - Moro; Napoletano, Silva, Somma, Artioli; Ndoye, Gerbaudo, Bachini, Bassanini; D’Agostino, Recino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza - Rossini: «Le nostre motivazioni sono fortissime e a ogni domenica può esserci una sorpresa»

SportPiacenza è in caricamento