menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente Marco Gatti

Il presidente Marco Gatti

Piacenza - Il presidente Marco Gatti striglia la squadra: «Così non mi piace»

Il numero uno di via Gorra dopo il pareggio col Renate: «Adesso voglio una reazione da parte dei giocatori. A Viterbo voglio una vittoria». E su Agostinone: «Finché il Lecce non lo paga rimane a Piacenza. Parte quando vedo il pagamento»

Sono ore in cui si sta definendo il passaggio di Giuseppe Agostinone dal Piacenza al Lecce, e in effetti è così per quanto riguarda il rapporto tra il club salentino e il procuratore del giocatore Donato Di Campli, tuttavia a intervenire a gamba tesa è il presidente del Piacenza, Marco Gatti.
«Finché non vediamo il pagamento del cartellino di Agostinone il giocatore non si muove da Piacenza. C’è anche la Juve Stabia che ce lo chiede, lui vuole andare al Lecce, ma noi siamo stati altrettanto chiari: se lo pagano parte altrimenti rimane qui».
Insomma, l’affare si farà, il ritardo probabilmente è dovuto al fatto che Lecce e giocatore non hanno ancora trovato l’intesa definitiva sul contratto, ma è solo questione di ore.
Per il resto il presidente Marco Gatti si è detto soddisfatto del mercato. «Possiamo dire di aver raggiunto tutti gli obiettivi, la rosa si è allungata e il nostro mercato è chiuso, a meno che non ci siano occasioni particolari. Non ci interessano giocatori per quattro o cinque mesi se, al contrario, si presentasse la possibilità di un innesto in ottica futura allora la prenderemmo seriamente in considerazione». Il riferimento, sebbene Gatti non lo ammetta esplicitamente, è all’esterno Mattia Sprocati: Franzini lo vuole a tutti i costi, la Pro Vercelli è disposta a farlo partire ma l’entourage del giocatore preferisce come destinazione la Serie B piuttosto che la Lega Pro.
Il numero uno di via Gorra infine non risparmia una strigliata alla squadra dopo il pareggio col Renate. «Non abbiamo giocato bene e la squadra non mi è piaciuta. La squadra deve mettersi in testa che adesso è ora di cambiare registro, la politica di fare “un punto” alla volta è rischiosa perché tutte le formazioni di bassa classifica si sono rinforzate ed è un attimo essere risucchiati nella zona pericolosa. A Viterbo mi aspetto una reazione, voglio una vittoria».

E i nuovi? «Bertoli purtroppo non stava bene, Nobile ha fatto molto bene una volta rotto il ghiaccio mentre a Romero non abbiamo fornito un solo pallone da giocare».
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento