menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arnaldo Franzini, in due campionati col Piacenza ha fatto 157 punti in 76 partite

Arnaldo Franzini, in due campionati col Piacenza ha fatto 157 punti in 76 partite

Piacenza - Franzini: «Ora inizia il nostro sogno». Le pagelle: Franchi e Tulissi spaccano la gara

Il tecnico: «Ho voluto parlare subito alla squadra, e lo faccio raramente, perché contro il Como vogliamo vincere e sarà una gara particolare». I presidenti Marco e Stefano Gatti: «Invitiamo tutta la città allo stadio per i playoff».

Serenità, volti distesi e tanta felicità. E’ questo l’umore che si respira in sala stampa ascoltando le parole dei due presidenti, Stefano e Marco Gatti. Inizia Stefano: «Franchi e Tulissi hanno cambiato il volto di una partita in cui stavamo subendo, ne sono contento perché vuol dire che in vista dei playoff possiamo contare su tutta la panchina. Chiudiamo un campionato pazzesco a 61 punti, segno di una campagna acquisti a gennaio di ottimo livello. Ora abbiamo i playoff e sapete cosa penso: l’appetito vien mangiando, le due vittorie contro la Cremonese dicono che possiamo battere chiunque». Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente Marco Gatti: «Invito tutti i tifosi e tutti i piacentini allo stadio sabato o domenica - il giorno sarà ufficializzato lunedì dopo la riunione di Lega - per il primo turno dei playoff contro il Como. Sono due anni che questa società, il mister e i giocatori ottengono risultati incredibili, chiudiamo un campionato regolare con 61 punti ed è un risultato incredibile. Ora sotto con il Como e se vinciamo c’è il derby del Ducato contro il Parma».

CAZZAMALLI E MATTEASSI
Il primo a parlare tra i giocatori è il capitano Luca Matteassi: «Per fortuna quella di oggi non è stata la mia ultima partita al Garilli - attacca ridendo - ma ce ne sarà un’altra. Evidenzio la grande costanza di questa squadra, nel girone di andata abbiamo fatto 28 punti e in quello di ritorno ne abbiamo staccati 33, direi che più di così non potevamo fare. Il Prato? Ci hanno messo in difficoltà, vero, ma il motivo è da ricercare in una sola condizione: quando come loro giochi per la salvezza inconsciamente riesci sempre a dare qualcosa in più». La vede così anche Cazzamalli: «Il sesto posto era un obiettivo importante per noi, ma dopo anni e anni sui campi ho capito che le squadre che lottano per salvarsi sono estremamente pericolose negli ultimi 90’. Ora c’è il Como, è curioso perché dopo quanto successo nella gara di ritorno pensavamo - “e se incontriamo proprio loro ai playoff ?” - ed è successo veramente. Va bene così, sarà una partita importante. Più in generale quest’anno abbiamo vinto i quattro derby contro Cremonese e Pro Piacenza, siamo arrivati ai playoff e abbiamo chiuso a 61 punti. Direi che i tifosi possono essere contenti della stagione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento