rotate-mobile
Piacenza Calcio

Piacenza - Pighi: «Scalise è il tecnico giusto per noi». Scianò: «Parte un nuovo progetto, fatto di tanto realismo»

Alla presentazione del nuovo allenatore sono intervenuti anche il presidente e il dg. Il numero uno del club: «Questa è una piazza complessa ma cerchiamo di instaurare un clima sereno». Il direttore: «Con Scazzola rapporto davvero speciale, ma le nostre strade si erano concluse».

Piedi ben piantati a terra, niente sogni e tanto realismo. Così si presenta il direttore generale e sportivo Marco Scianò, affiancato da un presidente Roberto Pighi insolitamente taciturno e dal tecnico Scalise.
Pighi parla giusto una manciata di minuti per i saluti di rito e una breve introduzione. «Sono stato colpito da Scalise, al secondo incontro, quando mi ha detto che vuole vedere i giocatori uscire dal campo con i crampi perché questo è il sintomo che hanno dato tutto. Credo sia la soluzione migliore per noi oggi, i miei dirigenti mi hanno spiegato il motivo della scelta e ne sono convinto anch’io. Piacenza sappiamo che è una piazza complessa, con delle esigenze, ma cerchiamo di instaurare fin da subito un clima sereno».
Tradotto: lasciamo lavorare il tecnico, i giudizi arriveranno più avanti e non possono essere formulati certamente lungo l’estate. Il numero uno di via Gorra poi lascia spazio al direttore Scianò anche se, a metà conferenza, interviene dalle retrovie per chiarire come il contratto con Raicevic non verrà rinnovato.

Di diverso impatto Scianò che spiega le motivazioni della sua scelta. «Ringrazio Scazzola e il suo staff, per noi oggi si apre una nuova via e presentiamo il cuore del progetto, cioè il gruppo di lavoro. Scalise rientra tra i profili su cui stiamo lavorando con alcune nostre società satellite (Club Milano), un lavoro che non riguarda solo i giocatori. Ha un curriculum importante da giocatore, da allenatore deve farsi e credo abbia le potenzialità giuste per darci delle soddisfazioni, le sue idee di lavoro e calcio ci sono piaciute fin da subito. Aggressività, fatica, velocità e lavoro, dopodiché gli aspetti tattici sono solo di sua competenza, noi cercheremo di affiancarlo al meglio. E’ una persona che “ha fame” e quindi ci piace».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza - Pighi: «Scalise è il tecnico giusto per noi». Scianò: «Parte un nuovo progetto, fatto di tanto realismo»

SportPiacenza è in caricamento