Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Ora si apre la caccia al nuovo tecnico ma non c'è alcuna fretta. Piace Gilardino

La prossima settimana firmerà il nuovo direttore sportivo Di Battista, sarà lui a dare le indicazioni per la scelta del sostituto di Franzini. Adesso la società è orientata su: abbattimento dei costi, sostenibilità di bilancio e questione stadio

Il futuro ds del Piacenza, Simone Di Battista

datei_s-6Salutato Arnaldo Franzini per il Piacenza si apre ufficialmente la corsa per trovare un tecnico a cui affidare il nuovo progetto di via Gorra che prevede l’allestimento di una squadra giovane, che dovrà crescere passo dopo passo, accantonando per un attimo le ambizioni più alte.
Diciamo fin da subito che non sarà una corsa sui 100 metri, piuttosto sarà un percorso lento e di riflessioni perché in questo periodo, nel calcio, si ha una sola certezza: c’è tutto il tempo che si vuole. E’ verosimile pensare che i raduni delle squadre di Serie C non ci saranno prima di agosto e la stagione 2020/2021 - Covid19 permettendo - probabilmente inizierà in autunno; perciò non c’è fretta nella scelta del tecnico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RIDURRE I COSTI, STADIO E POI L’ISCRIZIONE
A decidere il nome sarà senz’altro il neo direttore sportivo Simone Di Battista che tanto bene ha fatto a Fiorenzuola negli ultimi tre anni (Dionisi, Brando e Tabbiani le sue scoperti più recenti) e per il quale è pronto un contratto con i biancorossi che sarà firmato alla fine della prossima settimana. Perché così avanti? Il Piacenza è alle prese con una sforbiciata pesantissima dei costi, condizione senza la quale non sarà possibile iscriversi, parallelamente - e sempre in funzione iscrizione - dovrà trovare un accordo con il Comune per la gestione del Garilli. I 360mila euro chiesti nel bando andato deserto non sono sostenibili, se il dg Scianò e il vicepresidente Pighi riusciranno a trovare una linea comune con Palazzo Mercanti allora avremo quasi tagliato il traguardo dell’iscrizione. In sede c’è fiducia sulla buona riuscita dell’operazione tanto che Di Battista sta già eleborando le prime idee.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Il Piacenza chiude il precampionato con un pareggio contro la Virtus Verona. Cosa va e cosa non va

  • Piacenza-Virtus Verona: 1-1, a Siani risponde Bridi

  • La Gas Sales Bluenergy va a singhiozzo, Padova vince 3-1. Biancorossi fuori dalla Coppa Italia

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento